EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Speciale - Viaggi di nozze

Le adv chiedono consulenza, professionalità e prodotto

13/03/2017 - numero Edizione 1521

I network devono essere in grado di offrire supporto al business

Ci sono due segmenti di mercato che resistono bene alla crisi, i viaggi di nozze e i viaggi dedicati ai senior, che oggi si spostano di più rispetto alle generazioni passate. La novità del momento è l’incontro tra i due segmenti e questo avviene perchè in generale “ci si sposa sempre più tardi e aumenta il numero di seconde nozze, che secondo l’Istat rappresentano il 17% dei matrimoni celebrati nel 2015. In caso di seconde nozze gli uomini hanno in media 53 anni se sono divorziati e 69 se sono vedovi, mentre le donne alle seconde nozze hanno, mediamente, 46 anni se divorziate e 54 anni se vedove - osserva Cartorange -. Per noi le lune di miele con coppie over 60 rappresentano un mercato in crescita”, afferma l’a.d. Gianpaolo Romano.

Gli sposi senior
Qual è l’identikit degli sposi senior? “Hanno budget alti e grande disponibilità di tempo, se hanno già concluso la propria carriera lavorativa, a volte si concedono viaggi di un mese, o due, anche in bassa stagione. Spesso hanno già viaggiato molto, quindi hanno le idee chiare su ciò che vogliono”. Cosa chiedono? “Assistenza, comfort, strutture di alto livello – afferma Romano –. Non rinunciano a nulla, escursioni, sport, immersioni”. A sorpresa è emerso che sono tecnologici, “si informano molto sul web, per confrontare opinioni e prepararsi sulle destinazioni. Sono molto social e durante la luna di miele condividono foto con gli amici, danno a connettività e wifi la stessa importanza dei Millennials”. Tra le richieste più frequenti c’è quella di personalizzare la vacanza con esperienze particolari e servizi dedicati.

Le mete preferite
Le destinazioni preferite dagli over 60 vanno “dai grandi classici come gli Stati Uniti, il Giappone, la Polinesia e l’Austrialia, fino a Paesi meta di vacanze più avventurose come Sri Lanka, Oman e Cuba”, rileva Romano. La distanza non sembra essere un problema, c’è voglia di scoprire il mondo, ma “con l’accortezza di prenotare voli diretti”.
In casa Welcome Travel Group sul fronte delle destinazioni si registrano “costanti richieste sul lungo raggio, in particolare Caraibi, con una significativa ripresa del Messico, dell'Oceano Indiano, con le Maldive in testa - afferma il direttore marketing, Roberto Natali -. In crescita le crociere, soprattuto ai Caraibi e India e Maldive”.
Tra le destinazione più richieste si confermano “i combinati Usa e Caraibi, Oriente, Oceano Indiano con un crescente interesse per destinazioni di nicchia come Giappone, Africa Australe e Polinesia”, rileva Manola Agroppi, responsabile commerciale e prodotto Geo Travel Network.

Cosa chiedono le adv
Cosa chiedono oggi le adv al proprio network di appartenenza per sviluppare questo segmento? Consulenza, professionalità, conoscenza del prodotto. Si orientano verso un “supporto commerciale e marketing per fiere ed eventi sposi, materiali e promo per spingere il segmento sia in agenzia sia al di fuori - fa presente Sergio Testi, direttore generale Gattinoni Mondo di Vacanze -. Inoltre, strumenti tecnologici per essere al passo con la concorrenza e con le liste nozze classiche”.
In casa Geo “il 40% delle adv almeno una volta all'anno organizza un evento - osserva
Agroppi -. Oltre alla scontistica, chiedono formazione sulle destinazioni e interlocutori preparati e professionali”.
Servono “momenti formativi per l’utilizzo dei nuovi strumenti, per la personalizzazione di prodotto e per la gestione della relazione e una programmazione di prodotto imbastita, ma da rifinire sui desiderata degli sposi”, aggiunge Paola Frigerio, direttrice di Frigerio Viaggi Network.
Andrea Pesenti, direttore commerciale di SeaNet, aggiunge anche “forza promozionale, formazione, per migliorare la propria capacità di interfacciarsi con gli sposi, su come avvicinare il target”. Bisogna saper “trovare nuove coppie, per esempio ci sono anche le nozze d’argento o d’oro - osserva Pesenti -. Bisogna anche tener presente che il mondo dei viaggi di nozze è profondamente cambiato, essendo cambiata la famiglia italiana.
Oggi ci sono le coppie di fatto, le unioni civili, omossessuali. Oppure il viaggio di nozze si fa anche in tre, con i figli al seguito”.
Il che insegna che il momento contingente va sempre tenuto in considerazione.
Creare spazi dedicati
Il suggerimento che dà Pesenti è anche quello di creare “degli spazi in agenzia dedicati agli sposi. Molte adv lo hanno già fatto, avendo una parte più riservata con un salottino ricreato dove poter stare tranquilli e parlare del viaggio di nozze”.
Si può anche fare un passo in più. L’adv può rendersi disponibile verso le coppie “ad andare a casa e ricevere su appuntamento, per presentare con calma il viaggio con foto e filmati, per suggerire le escursioni particolari. Inoltre - aggiunge il manager -, molte coppie hanno il piacere di sposarsi all’estero, è un business in crescita, pertanto l’adv deve essere ben informata ed avere alle spalle il network che la supporta”.

Il kit sposi
Si sente sempre più parlare del kit sposi. Uno strumento di vendita e di marketing che le reti mettono a disposizione delle proprie affiliate, che sia nuovo o rivisitato, in ogni caso è sempre più accreditato.
Welcome dal 2002 mette a disposizione delle affiliate una campagna dedicata agli sposi, “proponendo in ogni edizione una nuova immagine coordinata. Quest’anno per le adv che parteciperanno alle fiere dedicate, abbiamo anche il kit sposi; un pacchetto composto da materiale utile ad allestire il loro stand e da voucher per i clienti, che potranno così beneficare di promozioni e vantaggi con gli operatori partner”.
Geo Travel Network ha un nuovo kit sposi che permette alle adv di organizzare con pochi click un evento sposi, dalla fiera, all'aperitivo in agenzia. “Pensiamo a tutto noi - spiega Agroppi -, al materiale espositivo ad allertare i t.o. (scelti dall'agenzia) per invio extra di cataloghi e ad attivare scontistiche on top a quelle già previste dai t.o”. E’ prevista anche “una speciale polizza assicurativa del network, ad un prezzo scontato, massimali ed assistenza elevati e coperture straordinarie fino allo smarrimento delle fedi nuziali”.            

Nasce l’adv per i viaggi di nozze Lgbt

E’ nata TravelOut, costola dell’agenzia Colony Viaggi dedicata all’organizzazione di lune di miele per coppie omosessuali. “Ora che finalmente in Italia sono possibili le unioni civili e, considerato la mia esperienza personale nel mondo di viaggi di coppia e come parte integrante del mondo Lgbt, mi sono proposto di creare un marchio ad hoc per le coppie gay, sia nuove sia di lunga durata”, dichiara l’ideatore Alejandro Manjarez che ha una profonda conoscenza dell’universo omosessuale. La nascita di  TravelOut risponde alle esigenze “di un mercato turistico crescente”. Se un tempo, la scelta della vacanza era orientata su strutture alberghiere di proprietà gay o verso le località ritenute più “tolleranti”, oggi i viaggiatori omosessuali optano per destinazioni dove esistono leggi che garantiscano l'uguaglianza del matrimonio e le protezioni legali che rendano i viaggiatori Lgbt più sicuri. La meta più gettonata? Gli Stati Uniti, “ma anche Sudafrica, Messico, Australia, Birmania e Cambogia rappresentano destinazioni che incontrano i gusti delle coppie omosessuali”.

            



Stefania Vicini

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Consulta gli ultimi annunci inseriti