EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Zoom Neve-Capodanno

Valle d’Aosta, offerta après-ski

10/12/2018 - numero Edizione 1560

“Le nostre montagne sono il luogo della neve perenne: qui ci sono le nostre perle, le stazioni sciistiche. Possiamo contare su oltre 800 km di piste da discesa e 5 poli di impianti di risalita”.
Così Claudio Restano, assessore al Turismo, Sport, Commercio e Trasporti della Valle d’Aosta si è espresso presentando la stagione invernale della regione.
Due nuove piste a Courmayeur, 21 stazioni, 156 impianti di risalita: questi alcuni numeri citati dall’assessore, che ci ha tenuto a sottolineare come l’offerta non sia solo rappresentata dalle piste, ma anche “dalle acque termali di Pré Saint Didier e Saint-Vincent, dalla cultura, con Aosta e le sue testimonianze dal Neolitico fino al Medioevo, dai mercatini di Natale, fino alla fiera di Sant’Orso il 30 e il 31 gennaio 2019”.

Una regione che vuole raccontare la sua storia e le sue emozioni, anche attraverso gli eventi. Tre grandi competizioni si svolgeranno sul suo territorio: la coppa mondiale di snowboard a Breuil-Cervinia (20-21 dicembre 2018), la coppa del mondo di telemark a La Thuile (Il 20 e 21 gennaio 2019) e la coppa del mondo di sci di fondo (16 e il 17 febbraio 2019) a Cogne. Con montagne che sono state paragonate a quelle dell’Himalaya, valli soleggiate e fresche in estate (con quest’ultima che sta prendendo molto piede), la Regione non punta solo sul mercato tricolore: sono sempre di più le nazioni straniere che la visitano, soprattutto del Nord Europa, ma anche da America, Russia e Cina, quest’ultima interessata al fuori pista.

Quale futuro si spera per la Regione? “Continuare a investire sulle professioni che possono raccontare una Val d’Aosta diversa”, ha affermato l’assessore.
Rispetto all’andamento, Restano ha citato i numeri della passata stagione, con un trend in incremento e un aumento degli arrivi: 54% stranieri e 46% italiani, di cui il 70% da Lombardia, Liguria e Piemonte. “Stiamo investendo sui mercati esteri - prosegue l’assessore -. Registriamo una buona presenza di inglesi, di turisti dalla Penisola Scandinava e anche cinesi, sotto forma di collaborazioni tra i maestri di sci. Abbiamo anche uno sci club cinese”.
Ma quali le aspettative per questa stagione? “È partita bene - risponde Restano -, anche perché abbiamo già la neve. Il trend è in crescita e siamo in contro tendenza rispetto ad altri”. Oltre allo sci, “non vanno trascurate le ciaspole, dato che tantissime persone le utilizzano, e le biciclette da neve. La pedalata assistita sarà il futuro. Assistiamo a una crescita dell’offerta après-ski”, conclude l’assessore.                                                



Nicoletta Somma

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte