EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Economia

Il Giappone oltre i 30 milioni di visitatori

11/02/2019 - numero Edizione 1563

Per il 2030 l’obiettivo è arrivare ai 60 milioni 

Il numero totale di visitatori ha superato i 31 milioni (31.191.900) per la prima vol- ta nella storia: stiamo parlando del Giappone. Una cifra che è cresciuta di quasi 6 volte da quando il Paese ha iniziato la campagna “Visit Japan” nel 2003 (5,21 milioni). L’obiettivo a medio-termine è ambizioso: “Il go- verno - annuncia il direttore dell’Ufficio di Roma del Jnto, Hideki Tomioka - punta a 40 milioni nel 2020, quando si terranno le Olimpiadi di Tokyo”. Buono anche il trend dei turisti tricolori: “I visitatori italiani – prosegue il direttore - hanno raggiunto quota 150.000, il numero più alto in assoluto. Il tasso di crescita del 19,2% è molto più alto della media dell’8,7% ed è al terzo posto dopo Vietnam (26%) e Russia (22,7%)”. Ma il mirino governativo guarda anche oltre, in un orizzonte temporale di dieci anni: per il 2030 l’obiettivo è arrivare ai 60 milioni di visitatori. “Per raggiungerlo – continua Tomioka - promuoveremo la Coppa del Mondo di Rugby del 2019, le Olimpiadi di Tokyo nel 2020, l’Expo mondiale di Osaka nel 2025. Oltre alle attività promozionali, il governo giapponese cercherà di migliorare le procedure Ciq (Customs, Immigration and Quarantine), i segnali multilingue, la connessione wi-fi gratuita, il pagamento senza contanti per i visitatori stranieri”. Al fine di aumentare il livello di soddisfazione dei turisti, nei prossimi anni “il Giappone svilupperà nuovi contenuti turistici quali attrazioni notturne, la partecipazione a feste tradizionali e spiegazioni multilingue. Si cercherà, inoltre, di contribuire il più possibile al numero di visitatori dall’Italia”. Ma su quali contenuti si focalizzeranno i piani di marketing per il 2019? “Ottimizzare l’opportunità di ospitare la Coppa del Mondo di Rugby 2019 e i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo nel 2020 – risponde il direttore -, massimizzando l’esposizione del Giappone come destinazione turistica. Inoltre, migliorare la promozione locale e introdurre regioni diverse da Tokyo, Kyoto, Osaka (chiamata “Golden Route”), come Hokkaido, Tohoku, Sanin, Kyushu e Okinawa”. Quanto ai target di riferimento sul mercato italiano sono “i viaggiatori individuali tra i 20 e i 40 anni, gli honeymooner e i viaggiatori benestanti”. Non mancano infine, nuovi collegamenti aerei: “Cathay ha annunciato nuovi voli (2 alla settimana) per Komatsu (Kanazawa) via Hong Kong a partire dall’aprile 2019 e Finnair il suo nuovo collegamento per Shin Chitose”.                             



Nicoletta Somma

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte