EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Incoming

Identità storica per Lavagna

14/09/2020 - numero Edizione 1591

In occasione dell'edizione 2020 di Discover Italy, Lavagna punta sulla sua identità storica e culturale, presentandola sotto forma di arte e poesia. Dopo il lockdown, l'amministrazione comunale si è immediatamente attivata per non farsi trovare impreparata davanti a visitatori e buyer.
"Discover Italy è l’occasione per far conoscere una cittadina forse troppo spesso sottovalutata, che per tanti anni non ha saputo promuoversi nel modo giusto, celando le proprie potenzialità - dichiara il vicesindaco con delega al turismo Elisa Covacci -. I vessilli che le sono stati riconosciuti ci impongono di mettere in luce, e in quest’occasione lo faremo, tutte le peculiarità di questa cittadina. Questo workshop darà la possibilità a coloro che interverranno di toccare con mano le nostre proposte turistiche. Attraverso un post tour che vedrà una dozzina di buyer nella nostra cittadina per un giorno e mezzo a visitare il nostro centro storico, ad assaggiare i nostri prodotti, ad assaporare i piatti che i nostri ristoratori riescono ad elaborare con le nostre verdure di stagione e il nostro pesce fresco, a  scoprire le bellezze del nostro entroterra".
Quest’estate Lavagna ha realizzato la prima edizione di Festivart,  festival di arte partecipata, ideato, studiato e organizzato con il direttore artistico Ivan Tresoldi, artista e poeta che ha presentato i versi della 'Poesia più lunga del mondo'.
Durante l’inverno i ragazzi delle scuole hanno fornito ognuno una parola rappresentativa della città, parole trasformate in una poesia che percorre tutto il muretto della caratteristica passeggiata. Gli artisti di Artakademy, associazione con sede a Milano che raccoglie talenti da tutta Italia, hanno colorato le strade con opere che in chiave moderna rappresentano la cultura locale. "Una grande soddisfazione per noi - continua il vicesindaco -, gli artisti, prima di realizzare queste magnifiche opere, hanno studiato per mesi le nostre tradizioni: dalle nostre portatrici di ardesia, al leudo, al pescatore, ai maestri d’ascia, all’agricoltore, alle nostre immagini sacre. Un lavoro intenso, certosino, molto suggestivo. Per 20 giorni turisti e residenti si fermavano a guardare gli artisti all’opera, a colloquiare con loro, a dare suggerimenti, a ringraziarli per quanto facessero per la città. E’ stata poi l’occasione per radunare tutti i nostri artisti, per farli venire allo scoperto, attraverso una 'chiamata alle arti':  una dozzina di artisti ha preso le proprie opere e le ha esposte nelle vetrine di tutti i negozi del centro che hanno fatto a gara per creare i migliori spazi espositivi, un tripudio di colori che ha investito Lavagna per tutto il mese di luglio. Il Covid non ci ha fermato, certo ci ha obbligato a trasformare alcuni progetti, a reinventarli, forse è stato un azzardo ma il risultato è stato un vero e proprio capolavoro".                             

 



Lara Morano

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us