EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Confesercenti: tagliamo la spesa pubblica e diamo al turismo

13/03/2013 15:10
Il presidente Marco Venturi alla Borsa delle 100 città d'arte: 'Basta sconticini e incentivi, dobbiamo cambiare passo e rilanciare l'economia'
“Il turismo, e quello culturale in particolare, potrebbe rivestire un ruolo chiave per la ripresa economica e per l’occupazione. Ma finora si è fatto troppo poco”. Così il presidente di Confesercenti Marco Venturi nel suo intervento alla conferenza d’apertura, in corso stamane presso la sede di Roma dell’Enit, della XVII Borsa delle 100 città d’arte.
“Nonostante la crisi – continua Venturi - anche nel 2012 nelle città d’arte italiane si è concentrato il 26,8% della spesa dei turisti che hanno alloggiato in strutture ricettive”.
Nel suo intervento Confesercenti ha allertato l'audience sugli effetti negativi della recessione 'provocando un forte calo di arrivi e pernottamenti' e 'sull'incertezza istituzionale totale'.
'Dobbiamo cambiare passo a cominciare dalla grave situazione economica. Noi non puntiamo a qualche sconticino fiscale, lanciamo un vero e proprio allarme sociale ed economico. Le previsioni economiche tutte in peggioramento fanno aumentare le difficoltà. E non bastano più interventi tampone come qualche incentivo, pure giusto, per assumere coloro che sono licenziati', ha insistito.
L'associazione spiega poi di avere presentato 'un progetto di tagli della spesa pubblica per 50 miliardi, che darebbero ulteriori benefici calcolati in 20 miliardi. Risorse da destinare ad abbattere l’insostenibile pressione fiscale ed a rilanciare economia, imprese, lavoro”.
L'appello, infine, è andato all'urgenza di avere 'un Governo ed un Parlamento che capiscano l’importanza di agire rapidamente'. Per concludere: 'Come ignorare che le città d’arte potrebbero fornire un contributo al lavoro e ad un benessere assai superiore, solo per il fatto di costituire un turismo sempre aperto, un turismo per quattro stagioni con potenzialità che invece non sono sfruttate?”.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us