EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Assoturismo al Ministro Bray: un piano per il rilancio

30/07/2013 17:55
Una delegazione dell'associazione guidata da Claudio Albonetti ha presentato un documento con misure consigliate: su Expo, Sud, Enit, Titolo V
Una delegazione di Assoturismo-Confesercenti, guidata dal presidente nazionale Claudio Albonetti ha incontrato il Ministro Massimo Bray per un esame della difficile situazione del turismo italiano. Sull’esito dell’incontro Albonetti ha sottolineato che “è con grande soddisfazione che sottolineo la disponibilità e l’attenzione con le quali il Ministro Bray ha valutato le nostre proposte, esprimendo una sostanziale condivisione sull’esigenza di una nuova strategia del Paese per rilanciare il nostro turismo. Molto informato su quanto sta accadendo nel settore il Ministro ci è parso determinato sul da farsi'.
'Samo usciti da questo incontro con la speranza che si sia aperta una fase di confronto e collaborazione che possa condurre verso decisioni in grado di affrontare concretamente le difficoltà del settore che si manifestano anche in questa estate. Al Ministro abbiamo espresso la forte convinzione che il turismo può essere un antidoto efficace contro il rischio di declino della nostra economia ma bisogna fare presto. Siamo certi che il Ministro non sottovaluterà queste nostre preoccupazioni”, ha aggiunto Albonetti.

Superare il limite costituzionale
Assoturismo ha consegnato un documento nel quale si evidenzia come, nella lunga fase di crisi che attraversa la nostra economia, il turismo potrebbe assolvere ad un ruolo fondamentale per ricreare lavoro. Non a caso un recente studio negli Stati Uniti d’America, segnala che solo la presenza di 33 turisti in più è in grado di determinare un posto di lavoro aggiuntivo. L'associazione ha ribadito, inoltre, che occorre attuare, con urgenza, una modifica di ordine costituzionale, attraverso il superamento del titolo V della Carta costituzionale, restituendo allo Stato una centralità in funzione di legislazione, di controllo, di gestione e di promozione del nostro sistema nel quale resti comunque importante il ruolo delle autonomie locali, con un Ministero dedicato al Turismo che abbia capacità e valenza politica di primo piano, con risorse finanziarie proprie.

Expo 2015, buoni vacanza, Enit tra gli altri temi
Assoturismo ha, infine, proposto al Ministro di costituire una “Cabina di Regia”, da affidare alla stessa Agenzia Enit, per la gestione e la collaborazione sull’offerta turistica in occasione dell'Expo 2015, che dovrà avere, necessariamente, un respiro ed una valenza di carattere nazionale. Altri temi posti all’attenzione sono stati quelli dei visti d’ingresso, delle regole più chiare in materia di prenotazione online e di recensione dei prodotti turistici, il ripristino dei buoni vacanze, anche al fine di promuovere la destagionalizzazione, un utilizzo della tassa di soggiorno finalizzato esclusivamente ai servizi turistici locali con la partecipazione di rappresentanti delle categorie turistiche nella scelta di detti servizi; iniziative per favorire l’attività di quella tipologia di collegamento che si chiama low cost, al fine di consentire il raggiungimento della destinazione turistica con maggiore facilità ed in tempi più rapidi, a tariffe concorrenziali. 'Il Sud d’Italia, in particolare, beneficerebbe così di un sistema di collegamenti in grado di sopperire alla carenza di infrastrutture e di vicinanze alle località turistiche dei principali aeroporti consentendo, laddove possibile, un allungamento della stagione per favorire forme di turismo sociale, con indubbi risvolti positivi per l’occupazione dei giovani locali e l’economia complessiva del territorio', spiega una nota di Assoturismo.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte