EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Etnia in fase di sviluppo

06/06/2014 15:33
Il t.o. si concentra sulle mete in programmazione, ma ha in serbo nel cassetto dei piani di ampliamento da portare avanti in un’ottica futura. Buoni i risultati conseguiti, dichiara Antonio Falcone. Nei primi 4 mesi del 2014 il t.o. ha messo a segno “un incremento del 25% di fatturato pratiche inserite dal 1° gennaio al 30 aprile”
Sviluppo delle mete presenti in programmazione, pur avendo nel cassetto qualche progetto di ampliamento da portare avanti in un’ottica futura. Etnia Travel Concept va avanti per la sua strada senza pensare alla possibilità di stringere accordi con altri operatori, “non stiamo valutando alcun tipo di fidanzamento o matrimonio - afferma a Guida Viaggi il general manager, Antonio Falcone -, in quanto per come siamo strutturati va bene proseguire così”.
Parlando dello sviluppo che è stato messo in atto, il t.o. un po’ alla volta ha aggiunto pezzi alla programmazione, “che va dagli Stati Uniti fino al Pacifico, con l’Africa, il Sudest asiatico e, da ottobre - anticipa Falcone -, probabilmente, ci sarà un’ulteriore evoluzione che ci porterà a coprire tutto il planisfero in maniera globale”. Al momento però ci si concentra sulle mete già programmate, il che vuol dire il prodotto Pacifico, “che sta crescendo molto”, ma tra le mosse realizzate, Etnia sta cercando di focalizzarsi 'sulle nicchie all’interno delle singole destinazioni, per proporre modi diversi di viaggiare', spiega il manager.
Numeri alla mano le performance di Etnia sono a segno più. Nei primi 4 mesi del 2014 il t.o. ha messo a segno “un incremento del 25% di fatturato pratiche inserite dal 1° gennaio al 30 aprile”, il che gli permette di poter affermare: “Fino a questo momento siamo soddisfatti - commenta il manager -, c’è anche da dire che siamo arrivati al sesto anno di attività e forse si tratta ancora di una crescita fisiologica, ma sta di fatto che la crisi ci ha solo sfiorati”. Nell’analizzare i motivi che hanno concorso alla crescita dei risultati, c’è anche il valore dato al brand “dal punto di vista dell’immagine, che inizia a radicarsi in un mercato dove ora tutte le adv, dal Nord Italia fino alla Toscana, dove abbiamo la nostra rete commerciale, ci conoscono”. Per un approfondimento dell'argomento rimandiamo all'intervista al manager pubblicata sul numero 1447 di Guida Viaggi del 9 giugno e all’intervista tv che si può ascoltare qui. s.v.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte