EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Le vacanze dei russi: un futuro incerto dopo gli anni del boom

30/07/2014 11:11
Lo evidenza un'analisi di Itb Berlin e IPK International
Nel 2013 la Russia ha registrato incrementi enormi per i viaggi all’estero. Con 32 milioni di viaggi effettuati in paesi stranieri l’anno scorso, la Russia è salita al terzo posto tra i grandi mercati europei dei viaggi internazionali. È il risultato delle ultime analisi effettuate dal World Travel Monitor di Ipk International.
Dall’inizio del nuovo secolo, la Russia è uno dei pochi Paesi interessati da un boom del turismo internazionale. Dal 2000 ha registrato tassi di crescita costanti a due cifre, avvicinandosi ad altri Paesi in forte aumento come la Cina e superando perfino al Francia.
Dal 2010 al 2013, circa un terzo dell’incremento dei viaggi all’estero di tutti gli europei era di provenienza russa, in particolare dalle grandi metropoli nell’area europea del Paese, prime fra tutte Mosca e San Pietroburgo.
Fino al 2013 le prospettive per il mercato russo dei viaggi all’estero avevano delineato una continua crescita. Anche le rilevazioni sulle intenzioni di viaggio eseguite periodicamente su scala mondiale dal “Travel Intensity Confidence Index” di Ipk International lasciavano presagire a febbraio 2014 un ulteriore forte aumento.
Martin Buck, direttore di Viaggi e Logistica di Messe Berlin, afferma: “Il rublo debole, la crisi della Crimea e i problemi in Ucraina fanno tuttavia temere una pausa nella crescita del mercato russo”.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte