EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Trenitalia: l’Etr 1000 parte a giugno

16/10/2014 10:25
Partnership a 360 gradi, dal fly al cruise fino a Expo. E intanto si prepara lo sbarco dell’Av a Fiumicino
Le prime corse sulla Torino-Salerno partiranno a giugno del prossimo anno, il pieno regime nel 2017. Un investimento pari a 1.500 mln di euro per 50 convogli. Parliamo dell’ultimo gioiello di casa Trenitalia sull’Av, l’Etr 1000. “Allestito e costruito in Italia - spiega Fabrizio Ruggiero, responsabile divisione passeggeri long haul – da AnsaldoBreda e Bombardier Transportation Italy avrà una velocità massima di 400 km/h e una velocità commerciale di 360 km/h”. Obiettivo: “Offrire viaggi Roma-Milano in due ore e 30 minuti rispetto alle 2 ore e 55 attuali”. A regime, nel 2017, i 50 Etr 1000 si andranno ad aggiungere ai 60 Frecciarossa Etr 500: ne consegue che una parte di questa offerta verrà ridistribuita. A oggi la società afferma di “aver eroso margini un tempo appannaggio dell’aereo: attualmente sulla Roma-Milano la nostra quota è superiore al 50%. Se aggiungiamo il competitor Ntv, arriviamo come trasporto ferroviario a un 60%. Il pullman dovrebbe attestarsi sul 10% e l’auto sul 5%”. Conti alla mano, al volato dovrebbe rimanere un 25%. Il concept del servizio sarà lo stesso dell’Etr 500: “Quattro classi: Executive, fatta di 10 posti, la top class, Business, la ‘vecchia’ prima classe, Premium, intermedia tra la business e la standard, e Standard, ‘senza fronzoli”. Interessante l’analisi che Ruggiero fa sul target della Premium: “Pensiamo a un 50% di traffico corporate e 50% consumer”. Nel primo caso si tratta di quella clientela business che per le policy aziendali, più attente ai costi rispetto al passato, viaggia “smart” ma senza strafare, nel secondo caso di quel pubblico che si vuole distinguere dalla basicità della Standard.
Il presente di Trenitalia si muove sempre più a braccetto con altri interlocutori della filiera: oltre al Rail&Cruise con Costa, la società ha accordi sul “fly” con 10 vettori internazionali, tra cui Emirates, Air Canada, Singapore, Royal Air Maroc. E con Alitalia è possibile un dialogo? “Perché no – afferma il responsabile vendite mercato Nord Paolo Locatelli -. Siamo disposti a partnership di feederaggio”. Intanto la società sta “sviluppando il progetto per entrare all’aeroporto di Fiumicino con l’Alta Velocità. L’obiettivo è dicembre”. E Milano? “In una seconda fase. L’idea è quella di un unico biglietto volo più treno”. Irrinunciabile il tandem con Expo: “Siamo il vettore ufficiale della manifestazione”. Una collaborazione stretta che si traduce in un potenziamento dei servizi, a partire da Rho-Fiera: “E’ già sul network dell’Alta Velocità ed è una fermata occasionale, ma diventerà per sei mesi lo stop sia di Frecciarossa per il Centro-Sud sia di Frecciabianca per la dorsale Padana”. Un ventaglio di offerta che verrà completato da un collegamento notte per il Sud Italia sulla Reggio Calabria-Torino, dai 14 Eurocity dalla Svizzera, da Thello per la Parigi-Venezia: tutti fermeranno a Rho. Scendi dal treno e caschi in fiera. Ovviamente Trenitalia è rivenditore ufficiale dei biglietti Expo. n.s.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte