EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Konrad Travel: sul Messico una crescita a doppia cifra

20/01/2015 16:27
Nel 2014 il volume dei passeggeri sulla destinazione è cresciuto del 19%. Si allungano i tempi di soggiorno e aumenta la quota media delle pratiche
Il Messico insolito, quello diverso, quello dei festival e della gastronomia, quello delle icone e dei miti, delle architetture coloniali e dei pueblos magicos, lo ha raccontato ieri sera a Roma Konrad Travel nel corso di un seminario per agenzie di viaggio organizzato in collaborazione con l’Ente del Turismo del Messico.
“La destinazione torna a numeri importanti, si allungano i periodi di viaggio ed aumenta la quota media delle pratiche - ha spiegato Gianluca Sposito, general manager Konrad Travel -, nel 2014 sul Messico abbiamo fatto viaggiare 700 passeggeri, tra gruppi ed individuali, ed è un numero questo che ci ha fatto constatare una crescita del 19% rispetto al 2013”.
A confermare il trend positivo sugli arrivi italiani nella destinazione anche le statistiche ufficiali fornite dall’Ente del Turismo in Italia: “Nel periodo che va da gennaio ad ottobre 2014 gli italiani sbarcati negli aeroporti messicani sono stati 139mila, un 10,4% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente - ha detto la responsabile Sarina Alvarez - un focus particolare lo merita il mese di ottobre che ha registrato l’arrivo in Messico di 12mila e 300 passeggeri italiani (+11%)”.
Un Paese immenso, dove è opportuno recarsi più volte, e dove ogni singolo viaggio è fatto di tante tappe. “Non troppo distanti da Città del Messico sono imperdibili i gioielli coloniali di Tula, Tepozotlàn, Queretaro, San Miguel Allende e Guanajuato. O ancora più a Nord, San Louis Potosì e Zacatecas, città di Pancho Villa - ha spiegato Gianluca Sposito -, Veracruz e Puebla si possono scoprire sulla Routa de Los Dioses ed è di incredibile suggestione, nel Michoacan, la Festa dei Defunti. Proposte per corsi di cucina e di spagnolo ci sono a Oaxaca mentre nello stato di Jalisco si può scoprire la cittadina di Tequila e il mare a Puerto Vallarta. La Riviera Nayarit, sulla costa del Pacifico, è una valida alternativa per il turismo balneare, con hotel di livello. Poi c’è il Messico del Nord - ha proseguito ancora Sposito - dove, partendo in treno da Chihuahua, si può viaggiare alla scoperta degli indios Tarahumara e della Barranca del Cobre. Le balene, le missioni e le isole desertiche contraddistinguono la Baja California, un ecosistema unico che si snoda lungo i 1400 km che dividono Tijuana da Cabo San Lucas. Anche un viaggio nel Mundo Maya può essere differente - ha concluso - con un soggiorno in haciendas, un pernottamento nei campamentos della Selva Lacandona o magari con esperienze di turismo solidale a contatto con le comunità maya”. a.te.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us