EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

L’Austria sospende Schengen

18/01/2016 12:26
Rafforzato al confine il controllo delle persone
L’Austria ha deciso di annullare temporaneamente le regole di Schengen sulla libera circolazione in Europa e "il controllo delle persone che vengono nel nostro Paese è stato rafforzato". Lo ha annunciato il cancelliere Werner Faymann in un’intervista al giornale Oesterreich, in cui afferma: "Esattamente come fa la Germania abbiamo deciso di aumentare i controlli alle frontiere e di effettuare rimpatri". Chiunque raggiungerà l’Austria "verrà controllato. Chi non ha diritto all’asilo verrà rispedito indietro". Perché "se l’Ue non lo fa, non protegge le frontiere esterne di Schengen, è l’esistenza stessa dell’accordo a decadere".

E in questi giorni fioccano i suggerimenti per affrontare il fenomeno. Il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble ha lanciato l’idea di un’addizionale sulla benzina a livello europeo per coprire i crescenti costi legati ai migranti. "Dobbiamo mettere in sicurezza i confini dell’area Schengen e non possiamo fallire a causa di fondi limitati", ha dichiarato al Sueddeutsche Zeitung. Dalla Svizzera la scelta, già imboccata dalla Danimarca, di imporre ai rifugiati di consegnare fino a 10.000 franchi svizzeri (circa 9.000 euro) dei loro beni per pagare le spese di accoglienza. Una soluzione che non ha incontrato per niente il favore del ministro degli Interni italiano, Angelino Alfano: "Non condivido assolutamente la posizione della Danimarca sulla confisca dei beni ai migranti" ha detto annunciando l’avvio della procedura per aprire immediatamente un hotspot a Pozzallo. 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us