EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Crociere, Senesi: "In Italia troppa burocrazia"

14/03/2016 14:25
Il Paese si conferma prima meta europea, ma i numeri crescono poco. Per il manager serve una strategia comune

Anche per il 2016 l’Italia si conferma la prima destinazione europea per il settore delle crociere. E’ quanto ha dichiarato Sergio Senesi, presidente di Cemar Agency Network di Genova, nell’ambito del Seatrade Cruise Global in corso a Fort Lauderdale fino a giovedì 17 marzo. Nonostante l’Italia si confermi prima destinazione europea per il settore crocieristico, le proiezioni di Senesi indicano una sostanziale stabilità del mercato italiano: il 2016 si chiuderà con 10.948.000 passeggeri movimentati (+0,37% rispetto al 2015) e 4.854 approdi (+2,88% rispetto al 2015).

La stabilità del mercato italiano non è in linea con il trend estremamente positivo del settore a livello globale: “Il mercato crocieristico conferma la solidità e l’appeal di sempre con un forte incremento a livello mondiale. Il prezzo del bunker è ai minimi storici e l’indebolimento dell’euro favorisce l’afflusso di crocieristi da Stati Uniti e Gran Bretagna - ha dichiarato il manager –. L’Italia è però ferma ai numeri dello scorso anno, nonostante le nuove navi che usciranno a breve dai cantieri, il ritorno di alcune compagnie e le numerose variazioni d’itinerario effettuate per eliminare gli scali del Nord Africa e della Turchia a causa dello scenario geopolitico”. E aggiunge: “In Italia c’è troppa burocrazia e poca disponibilità a fare sistema. Si sente la mancanza di strategie comuni e di una regia nazionale volta a incrementare il traffico crocieristico nel Paese. Da anni denunciamo le problematiche legate allo stop delle grandi navi a Venezia, che crea gravi difficoltà al settore, rallentando il traffico dell’intero Mar Mediterraneo. Da anni parliamo di Portofino, dove si attende il via libera per riavvicinare le navi al borgo, e dei problemi di banchine a La Spezia.  Anche la stagione 2017 rischia di essere fortemente compromessa”.

Da notare il crescente e costante successo riscosso dai  sistemi di prenotazione crociere online, "ai quali gli utenti si rivolgono con sempre maggior frequenza e familiarità”.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us