EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Sottosanti-Federviaggio: numeri positivi per l’incoming

31/05/2016 17:02
Per l’outgoing corto-medio raggio con un’alta saturazione; indicatori a segno più anche per il long haul

“I numeri sono positivi e tenderanno a esserlo ancora di più sull’incoming, con oltre il 10% di volumi in più; sugli economics è ancora troppo presto per parlare”. Così Francesco Sottosanti, direttore Federviaggio, parlando dei trend estivi. L’Italia quest’estate dovrebbe dunque rubare quote di mercato alle altre destinazioni del corto-medio raggio, sul quale si prevede un’alta saturazione e prezzi medi più elevati. Sul long haul le maggiori richieste sono per “i Caraibi, con Cuba in testa, che ha registrato un grosso trend di crescita, Repubblica Dominicana e Messico, ma anche la costa occidentale degli Stati Uniti. L’Estremo Oriente è allineato allo scorso anno”. La moda del momento sul lungo raggio parrebbe lo short break... “E’ vero - conferma Sottosanti -. Con la stessa cifra che si spendeva per sette giorni a Sharm si possono fare 4 giorni negli Stati Uniti”. A una forte offerta di trasporto aereo sul lungo raggio a prezzi stracciati “è possibile abbinare, grazie alla sharing economy, un’accomodation low price”. New York, Boston, Atlanta, gli Emirati le mete gettonate e un Canada che comincia a destare interesse. Il fenomeno è in incremento quest’anno, evidenzia Sottosanti, non solo in virtù dei nuovi modelli di vacanza oggi esistenti, ma anche perché sul medio raggio il resto dell’offerta a prezzi competitivi “è abbastanza saturata e il Nord Africa e vicino Oriente non sono proponibili”. Le previsioni per il lungo raggio? “Tutti gli indicatori ci dicono che è in crescita, con un aumento dei volumi, ma grazie all’offerta e ai nuovi modelli di vacanza di cui si parlava con prezzi mediamente un po’ più bassi”. n.s.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte