EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Effetto Trump: "Bisognerà vedere oltre gli States"

11/11/2016 09:55
"In attesa di capire come si evolverà la situazione", sottolinea Andrea Mele, presidente Mappamondo, commentando l'esito delle elezioni americane

"Il mondo va oramai tutto alla rovescia, il populismo avanza in diverse parti del mondo e questo non può che preoccupare molto. Ciò che sembra semplicemente impossibile è oggi tragicamente possibile". Sono queste le parole con cui Andrea Mele, presidente di Mappamondo, commenta la vittoria alle elezioni Usa del candidato repubblicano Donald Trump.

Alla domanda su cosa cambierà per il turismo, il manager immagina che ci sarà "un'iniziale ritrosia a viaggiare negli Stati Uniti in attesa di capire come si evolverà la situazione. Questo per le prossime settimane, dipenderà poi se continueranno le proteste e che eventuale piega prenderanno". A detta del manager bisognerà vedere "anche oltre gli Stati Uniti... Cuba, Cina, Iran ad esempio... se cambierà in maniera drastica il rapporto politico e quindi le aperture degli ultimi tempi. Automaticamente il turismo verso quei Paesi ne risentirà in modo importante". 

A fronte del business che caratterizza l'attività di Trump, Mele ritiene possibile che alcuni settori del turismo o delle infrastrutture possano avere un impulso a livello di investimenti, "soprattutto nei prossimi mesi". La politica turistica di Trump cambierà i presupposti per il traffico turistico incoming? Ci saranno più controlli? "Se Trump manterrà quanto affermato, certamente sì per gli arrivi da Paesi arabi o comunque musulmani così come ad esempio dalla Cina", osserva il manager.

In merito ad un possibile rialzo dei prezzi Mele non se lo aspetta, anzi probabilmente "diminuiranno se parliamo ad esempio di alberghi ma, sinceramente, mi  sembra l'ultimo dei problemi...". s.v.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us