EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Paola Frigerio: "In futuro più disintermediazione e selezione tra i t.o."

22/02/2017 09:05
Secondo la direttrice sul se e come cambieranno gli equilibri di mercato "molto dipenderà dalle strategie commerciali che verranno messe in campo"

“Si tratta di un’acquisizione coerente e significativa, sia per il progetto industriale di Uvet, che può conferire maggiore forza al tour operating, sia per la freschezza che porterà in seno alla storica Settemari”. Così si esprime Paola Frigerio, direttrice di Frigerio Viaggi Network, sull’operazione dell’anno. “Sul se e come potrebbero cambiare gli equilibri di mercato – aggiunge - molto dipenderà dalle strategie commerciali che verranno messe in campo”.

Per quanto riguarda Frigerio Viaggi Network, la manager annuncia: “Le posso anticipare che continueremo a canalizzare le vendite con una rosa di tour operator selezionati in base all’esclusività di prodotto, alla bontà degli accordi commerciali, oltre a incentivare la disintermediazione rafforzando partnership con Dmc nelle aree geografiche di nostro interesse, senza poi omettere i servizi ancillari, che negli ultimi anni stanno entrando prepotentemente nella domanda di mercato”.

Una strategia, quella di Frigerio, che prevede anche le dovute implementazioni tecnologiche, la personalizzazione della programmazione di prodotto accessibile anche attraverso la app già potenziata con la tecnologia di realtà aumentata e la formazione degli agenti di viaggio.

Capacità di fare programmazione di prodotto diversificato e segmentato in base al target: è un elemento chiave – avverte Frigerio - per affrontare il mercato del travel e mi aspetto che anche Uvet con l’acquisizione di Settemari sfrutti queste leve per agire al meglio sulla propria rete distributiva”. 

Sul futuro della produzione, la manager dichiara: “Prevedo uno sviluppo costante della disintermediazione, che porterà ad una selezione naturale di quei tour operator che non avranno trovato la giusta alchimia tra programmazione di prodotto da vendere al giusto prezzo e la modalità di vendita dello stesso. Benché la facilità di accesso al prodotto e la confrontabilità dello stesso sia un’esigenza molto sentita dalla rete distributiva, ancora oggi molti tour operator non sono organizzati o preferiscono evitarne l’accesso mediante Xml”. Fatto, questo, che rappresenta un grosso limite secondo Paola Frigerio, “e nonostante alcuni network, come il nostro, si siano organizzati con la tecnologia adeguata. Mi aspetto una risposta positiva sul fronte dei tour operator – conclude - con maggiori investimenti tecnologici e una programmazione efficace in termini economici anche sui prodotti generalisti”. l.d.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us