EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Consumi: italiani i più pessimisti dell’Ue

19/04/2017 14:05
Grava un clima di incertezza sui consumi, la propensione all’acquisto torna negativa

L’Europa dei 28 è positiva sui consumi, mentre gli italiani restano pessimisti. L’ultima rilevazione di GfK sulla fiducia dei consumatori europei mostra un primo trimestre 2017 sfiorare i 20 punti dopo avere toccato il livello più alto l’anno scorso.

Di segno opposto i dati relativi all’Italia: nei primi tre mesi dell’anno le aspettative economiche hanno registrato il livello più basso tra i 28 paesi UE considerati nell’indagine.

“Gli avvenimenti che hanno caratterizzato gli ultimi mesi - come la Brexit, il rafforzamento dei partiti nazionalisti, il nuovo governo degli Stati Uniti e la guerra in Siria - non sembrano quindi aver influenzato negativamente la maggior parte dei paesi analizzati”, spiega l’istituto di indagini di mercato. Rimangono tuttavia delle differenze a livello di singolo Paese, con situazioni di incertezza che permangono nonostante il clima generalmente positivo. Queste sembrano dipendere in larga parte da problematiche locali, che riguardano lo sviluppo economico e la situazione del mercato del lavoro.

Italia: persiste l'incertezza

Andando ad analizzare le aspettative economiche per i prossimi mesi, emerge come i consumatori italiani continuino a essere i più pessimisti dell'Ue. A fine marzo, l'indicatore segnava -53 punti, ovvero oltre 30 punti in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Gli italiani prevedono un significativo e costante deterioramento della situazione economica nel proprio Paese.

In linea con le aspettative economiche negative, le attese sul reddito continuano a essere piuttosto basse. Per la prima volta da maggio 2015, la propensione all'acquisto torna in area negativa, registrando -1,6 punti alla fine del trimestre. Questo indicatore si è quindi ridotto di ben 28 punti rispetto al primo trimestre del 2016. Il clima di incertezza sembra avere come conseguenza anche la tendenza a posticipare gli acquisti più importanti, in attesa di un miglioramento delle condizioni economiche generali.


TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Consulta gli ultimi annunci inseriti