EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Matera: con la cultura si mangia

21/07/2017 16:20
Lo garantiscono gli organizzatori della Fondazione Matera Basilicata 2019 a caccia di investitori, con numeri alla mano

“Matera è una geologia esistenziale senza tempo”. Raffaello Giulio de Ruggieri, sindaco di Matera, apre così il suo intervento all’evento di attrazione di investimenti per Matera 2019, svoltosi a Roma. “Nel tempo siamo riusciti a diventare una polis e la questione culturale è diventata finalmente una questione politica”.

Il primo cittadino ha detto chiaramente che le nuove strategie di crescita saranno sulla strada dell’innovazione, “siamo pronti, siamo una città moralmente attrezzata all’accoglienza, decisa a dare gli incentivi alla creatività”. Nessuna sussistenza, dunque, ma partecipazione: “Non va fatto l’inventario di ciò che manca, ma l’almanacco di ciò che serve”.

Pragmatico Paolo Verri, direttore di Matera Basilicata 2019, che chiede comunque di condividere in primis “dei valori”. Attualmente Matera cresce più di tutte le città nominate precedentemente capitali della cultura. Per le imprese che vorranno essere coinvolte ci saranno 4 grandi mostre tematiche su architettura rupestre: Rinascimento, matematica classica (ai tempi di Pitagora), uomo e ambiente. Ogni settimana del 2019 ci sarà una produzione originale e la creazione di un network vedrà coinvolte numerose città italiane ed europee. Esiste un bando pubblicato sul sito della Fondazione Matera-Basilicata che rappresenta una grande opportunità per le imprese che vogliono accedere a questa visibilità o alle produzioni. Quanto alle prospettive per questi investimenti, Verri testimonia che già da ora il Pil in Basilicata, trainato da queste aspettative, è stabile al 5,5% contro 0,8% del resto di Italia.

Quanto al turismo ricorda che i collegamenti sono attivi con 43 destinazioni in arrivo all’Aeroporto di Bari a 40 minuti dalla città. Significativi gli investimenti in comunicazione previsti per l’80% in Italia e per il 20% all’estero: per il 2017 0,7 milioni di euro, per il 2018 2,2 milioni, per il 2019 4,4 milioni.l.s. 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte