EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Ryanair e i piani del prossimo anno

13/09/2017 12:30
John Alborante: "La Spagna sta diventando troppo cara, avremo altre opzioni"

Cinque aerei dedicati ai servizi charter in Polonia, la Spagna che sta diventando troppo cara come mercato turistico, l’offerta per Alitalia, le rotte in connessione: questi sono i dossier d’autunno sul tavolo di Ryanair. Ce ne parla John Alborante, sales and marketing manager della compagnia: "Non credo che ripeteremo l’esperienza charter in Italia come in Polonia – spiega -, qui il mercato è emergente, in espansione e più grande. Abbiamo dedicato degli aerei su richiesta dei tour operator polacchi, che hanno una programmazione anche balneare. Questa formula non va bene per l’Italia, dove già soddisfiamo un’ampia fetta di domanda con i voli regolari".

Per l’estate 2018, invece, cosa c’è in programma? "Annunceremo a fine mese la programmazione, dovremo rivedere sulla Spagna perché sta diventando molto cara dal punto di vista delle tasse aeroportuai e sta arrivando alla saturazione della ricettività. Cercheremo altre opzioni".

Su Alitalia non si può sbilanciare in quanto i commissari hanno chiesto riserbo sulle intenzioni, quindi prima della fine di settembre non si può sciogliere la riserva. Quello che è ben definito è il programma dei voli in connessione, oltre alle collaborazioni già attive con Air Europa per la vendita dei biglietti sul lungo raggio da Madrid e i colloqui con Norwegian ed Aer Lingus per il "match" fra i sistemi di prenotazione, che però non è così semplice da attuare. "Siamo partiti in modo soft con i voli in connessione tra gli aeroporti, proprio da settembre molti sono già tra gli scali italiani e, per esempio su Bergamo, saranno in connessione su tutto il network entro un anno".

Ryanair ha avviato il progetto su due strutture italiane (Fiumicino e Bergamo Orio al Serio), non da Londra Stansted che è il primo scalo per la compagnia. Il planning potrà avere una implementazione con l’arrivo di nuovi aerei: la svolta nel 2019 con l’ingresso die B737-800 Max che riducono il rumore del 40% e i consumi del 20%. Intanto anche Easyjet ha annunciato il programma dei voli in connessione. p.ba.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte