EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Le chance dell’Italia e la cautela degli operatori

20/11/2017 12:07
I commenti degli addetti ai lavori a Londra. Il servizio nel numero di Guida Viaggi in distribuzione oggi, con le info sul protocollo Blockchain, i piani della Grecia e i consigli su come gestire i viaggiatori del futuro

Il report dell’Enit attribuisce al nostro Paese (per il 2016) una quota di mercato attorno al 6% del turismo outgoing dal Regno Unito (prima è la Spagna con quasi il 15%, seguita da Francia con l’8,5%) e a Londra sono stati diffusi i risultati della ricerca “Be-Italy” condotta da Ipsos in 18 Paesi del mondo che reitera l’appeal del nostro Paese nei trend futuri.

La presidente di EnitEvelina Christillin, ha sottolineato: “Il 37% degli intervistati ha risposto “Italia” alla domanda “Dove andresti in vacanza se vincessi un viaggio?”: una percentuale che mette il Belpaese al primo posto, davanti a Stati Uniti e Australia (scelti rispettivamente dal 32 e 31% del panel)”.

Gli operatori italiani presenti in fiera a Londra, però, si mostrano cautamente ottimisti. Le previsioni di Mamberto sul 2018 sono buone: “Le vendite funzionano e abbiamo saputo che Citalia ha aperto il mercato degli individuali sul basso Piemonte – ha commentato Carlo Zanolla, contracting manager dell’operatore -. Dopo un 2017 di crescita a doppia cifra, puntiamo a numeri positivi grazie al fatto di aver aperto le vendite in anticipo. Si tratterà di capire come procederà la stagione e quanta influenza avrà la crisi economica inglese sui viaggi”.

Sterlina debole e minore budget sono le dinamiche da monitorare anche per Europlan: “Il mondo cambia velocemente – asserisce Knut Spieker, responsabile programmazione Europlan –, i bacini dell’Europa meridionale stanno riaprendo e si mostrano particolarmente aggressivi; questo potrebbe riflettersi negativamente sulle presenze straniere in Italia”.

Per Gino Acampora, managing director di Acampora Travel, “i segnali sono interessanti ma dovremmo allungare la stagione. E’ un percorso lungo e complesso. Avremmo bisogno di sgravi contributivi, di una linea comune sulla tassa di soggiorno e di programmare eventi anche in bassa stagione”.

Il servizio completo in apertura del settimanale Guida Viaggi, in distribuzione oggi, dove si parla dei 300 progetti di sviluppo in Grecia, di protocollo Blockchain e delle mosse per gestire i viaggiatori del futuro. l.d.

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte