EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Il ponte e la battaglia delle cifre

07/12/2017 09:40
Secondo l’indagine Confesercenti-Swg saranno 4 milioni gli italiani in vacanza; emerge una vitalità della domanda turistica, in crescita del 7% rispetto al 2016; bene la vendita in agenzia

E’ già battaglia di cifre sulle stime degli italiani in partenza per il ponte dell’Immacolata. Dopo le rilevazione di Federalberghi, che prevede 7,3 milioni di connazionali in viaggio, sono arrivate le cifre di Confesercenti Swg, che ridimensionano il fenomeno partenze a 4 milioni.

Secondo il sondaggio di Confesercenti  il dato è in crescita di 500mila unità rispetto all’inverno scorso. “I concittadini in partenza – avverte l’indagine - spenderanno in media 686 euro a persona per un giro d’affari complessivo da 2,9 miliardi di euro”, un dato che mette in luce un budget di vendita da pacchetto in agenzia e che contrasta con i 340 euro di spesa media rilevato da Federalberghi (che probabilmente si concentra sul costo del servizio a terra). Simile, invece, il valore del giro di affari previsto, che in questo caso Federalberghi registra più basso rispetto a Confesercenti (si parla di circa 2,5 miliardi di euro contro i 2 miliardi del 2016). Il 68% dei viaggiatori (fonte Confesercenti) sceglierà l’Italia come meta di viaggio, mentre il 26% si recherà in Europa ed il restante 6% opterà per altri soggiorni all’estero.

Il ponte segna l’avvio della stagione sciistica per molti impianti italiani, riaperti approfittando delle recenti nevicate e delle basse temperature, un beneficio per le località montane. “Ma questa non sarà solo l’occasione di cui approfittare per andare a sciare - afferma il presidente di Assoviaggi Confesercenti, Gianni Rebecchi - le nostre agenzie di viaggio segnalano, infatti, anche una ottima crescita della formula veloce del prodotto Spa e benessere in connubio con la montagna. Sono, inoltre, super gettonate le nostre città d’arte mentre per quanto riguarda le prenotazioni all’estero si registra un incremento del 9%, rispetto allo scorso anno, dei viaggi verso le capitali europee”.

Complessivamente, dalle stime del sondaggio Confesercenti-Swg emerge una vitalità della domanda turistica, in crescita del 7% rispetto al 2016, suggestioni positive confermate anche dalle agenzie di viaggio: “Fino ad i primi giorni di dicembre – avverte Rebecchi - hanno già raccolto circa il 20% di prenotazioni in più per le prossime vacanze invernali, a lungo raggio ed in crociera, un risultato positivo che conferma la ripresa del settore dopo la crisi”.

Il soggiorno per il lungo week end del ponte dell’Immacolata durerà in media 3,6 giorni. Il 35% dei viaggiatori alloggerà in albergo, mentre un altro 25% si sistemerà presso case in affitto, bed & breakfast ed ostelli. C’è poi un 19% di italiani in partenza per cui la vacanza sarà all’insegna dell’ospitalità di amici e parenti, un 13% si recherà, invece, presso la seconda casa di proprietà per trascorrere le feste. Infine, un 4% sceglierà una pensione mentre un altro 4% soggiornerà in campeggio, camper, agriturismo o villaggio. l.d.

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte