EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Pd e Lega: le due visioni sul turismo

08/02/2018 15:45
Gli interventi di Loredana Capone e di Gian Marco Centinaio per le rispettive forze politiche. In risalto il ruolo delle istituzioni

Esiste un paese Italia, ma due paesi distinti con due tipi di infrastrutture, servizi, qualità, diversità di immagine. E' questa la fotografia che l'esponente del Pd Loredana Capone, responsabile Turismo, ha illustrato oggi in convegno a Roma.

Una, è l'Italia delle regioni del Nord che utilizza i propri fondi per migliorarsi, pubblicizzarsi, per la formazione e la qualità. Poi ci sono alcune regioni del Sud che utilizzano parte dei fondi europei  - ha rimarcato Capone -. Ma poi c'è un'altra Italia. E' quella dalle strutture obsolete, con una sola linea ferroviaria, che manca nell'impegno per migliorarsi, è passiva e che arranca per attrarre turismo. Lo Stato dovrebbe promuovere tutto il territorio – ha sottolineato -. E il mio partito intende lavorare per la promozione di tutta l'Italia come è stato fatto per l'Expo, pubblicizzando tutto il Paese e non solo investire dove è più comodo essere presenti”.

Dal canto suo Gian Marco Centinaio, responsabile Turismo della Lega, ha sottolineato che in occasione delle elezione tutte le forze parlano di turismo, per dimenticare il settore subito dopo. “La Lega ha un programma di 12 punti, molto snello. Per noi indispensabile un vero ministero del Turismo, non come l'attuale Mibact, dove la T di turismo è nell'ultima lettera. Un ministero del Turismo che lavori con il ministero delle Infrastrutture e con quello dell'Agricoltura. E bisogna fare una vera lotta all'abusivismo. Tra le nostre proposte il recupero dell'Iva nel settore turistico, soprattutto per chi compra in agenzia di viaggio. E' fondamentale, essendo i margini veramente bassi”.

Centinaio ha parlato anche di formazione: “Chi intende lavorare nel turismo deve sapere la geografia. E poi  - ha continuato - auspico la riduzione della tassa di soggiorno a Roma, a Milano, il riordino complessivo delle attività per le guide turistiche e la detassazione per chi assume i giovani a tempo indeterminato. Per quanto riguarda l'Enit  - ha aggiunto – è veramente imbarazzante a livello mondiale. E' urgente rivedere compiti e funzioni dell'ente, che dovrebbe promuovere il turismo in Italia”. a.to.

 

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us