EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

La Regione Campania al lavoro per fare rete

12/02/2018 12:35
Si presenta compatta e coordinata la strategia turistica della regione del Sud e svela in Bit risultati e novità delle politiche messe in campo

Registrano un aumento del +12% i flussi turistici internazionali in Campania nei primi sette mesi del 2017 (Banca d’Italia). Secondo i dati Mibact, inoltre, la regione è al secondo posto per numero di visitatori nei musei.  Parte da questi punti fermi l’intervento di Corrado Matera, assessore regionale allo sviluppo e promozione del turismo, che fa il punto in Bit su quanto è stato realizzato finora e sulla via da percorrere nel prossimo futuro. Una strategia, sottolinea l’assessore della Regione Campania, “che crede nel turismo come opportunità di sviluppo e parte dall’ascolto del territorio, dei suoi punti di forza e delle sue criticità”, come quelle ancora legate ai trasporti e al sistema viario.

Le parole d’ordine sono “diversificazione ma anche integrazione dei prodotti turistici durante tutto l’arco dell’anno e capacità di fare rete tra pubblico e privato”, tenendo conto, aggiunge Matera, “che i budget non sono più quelli di un tempo. Fare economia è una necessità e siamo comunque riusciti a ottimizzare e risparmiare l’anno scorso 600mila euro con una buona gestione”.  

Tre i mercati intercettati: per il 70% quello italiano attratto dalle proposte di turismo esperienziale soprattutto delle aree dell’entroterra che svelano nuovi tesori; il mercato europeo è agganciato anche attraverso accordi internazionali come quello con la Spagna e il suo cammino di Santiago per attirare l’interesse sul turismo dei sentieri; il mercato globale converge in particolare su Paesi come Argentina, Usa, Giappone e Cina e presto sarà varato un nuovo progetto per ridare vita ai territori campani spopolati facendo leva sul turismo di ritorno nei luoghi natii.  

Diverse le componenti e le novità della strategia turistica regionale: in primis la nascita dell’Agenzia regionale del turismo presieduta da Luigi Raia, braccio operativo dell’assessorato al turismo. L’agenzia, sottolinea Raia, “è una corporate, un ente autonomo ma strumentale per la Regione nel perseguimento di obiettivi e indirizzi che nasce in un momento positivo per l’economia campana il cui Pil è aumentato nel 2017 del 3%; il turismo in Campania – chiude Raia - diventa dunque elemento di sviluppo e traino per tutto il Sud”. Altra novità è l’unificazione della voce turismo e cultura sotto un’unica direzione generale per attuare politiche programmatiche. “Partendo dalle grandi mostre, dalla valorizzazione di siti Unesco, dagli eventi – ha detto la dirigente Rosanna Romano – l’obiettivo è che non siano solo occasioni di visita spot ma opportunità per fidelizzare il turista con appuntamenti fissi”.

Tante le tematiche snocciolate nel corso della conferenza stampa e che raccontano di una Campania che ragiona unitariamente in termini turistici: a gennaio scorso il riconoscimento da parte del Mibact di altri nove distretti turistici, che si aggiungono ai 15 già esistenti per un totale di 24 facendone la regione con il maggior numero di distretti; il consolidamento dei cammini dell’anima per dar vita a viaggi della spiritualità più strutturati attorno alle tre Certose (Napoli, Capri, Padula); il turismo verde e cicloturistico; le vie del mare e i treni storici; il legame ambiente e agricoltura; il focus sul valore della dieta mediterranea, l’annuncio della nascita di itinerari a tema e di un polo creativo che racconti la Campania nel mondo; il 2018, anno del cibo e del vino italiano nel mondo e il ruolo che può svolgere la regione che spicca nel Bel Paese per la sua produzione agroalimentare; l’attenzione rivolta all’accoglienza, alla qualità dei servizi, alla comunicazione promozionale del brand Campania.

Tra le priorità anche quella di realizzare rilevazioni chiare e certificate per far emergere il sommerso che, secondo l’assessore Matera, copre probabilmente una fetta del 35% dei flussi turistici non registrati dalle statistiche ufficiali. v.a.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us