EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Emilia Romagna: il mercato russo c'è e cresce del 22%

21/02/2018 10:19
Il turista di oggi è più attento, ama il lusso, l'enogastronomia, i motori, mostra interesse anche per le escursioni nelle città d'arte con valenza artistica

Una crescita a doppia cifra per il mercato russo, pari ad un +22% di presenze nel 2017. A confermare il trend positivo è Emanuele Burioni, direttore Apt Emilia Romagna. Il target legato a questo bacino importante di flussi ha vissuto "varie stagioni", nel senso che è passato dal segmento high level a quello mass market, "ora è eterogeneo - commenta il manager a Guida Viaggi - e varia in base alle località. Il turismo mass market lo si trova in Romagna, ma è anche vero che ci sono delle presenze anche al Grand Hotel di Rimini. Il turismo del lusso caratterizza Milano Marittima".

Il turista russo di oggi com'è? "E' più attento, fa un buon media mix su ciò che viene comunicato, ama il lusso, l'enogastronomia, i motori, ma gli elementi che lo caratterizzano sempre sono la moda e lo shopping". Mostra interesse anche per i musei legati al mondo dei motori e qualche cosa verso il turismo culturale. Si nota un certo cambiamento nelle scelte, una maggiore maturità dettata dal fatto che "acquista molto le escursioni nelle città d'arte con una valenza dal punto di vista artistico, quindi non c'è più solo lo shopping tra i motivi trainanti della vacanza".

L'entroterra è ancora una nicchia quasi da scoprire in toto, nel senso che lo vive per lo più attraverso l'enogastronomia

Un aspetto messo in luce da Burioni è lagato ad un calo della percentuale del turismo organizzato. Il tutto viene ricondotto ad un incremento dei voli di linea, "che hanno aperto il mercato degli individuali". Ad oggi la percentuale è un paritetico 50%. Sul fronte dei voli charter il manager accenna ad un incremento, per l'anno in corso, dei voli su Bologna e su Rimini. 

Il mercato russo è il secondo bacino estero nel 2017 per presenze, "al primo posto c'è la Germania - afferma il direttore -, in crescita, è legato più al turismo balneare, ma non solo, ricerca anche le esperienze nell'entroterra. Lo si può definire un turista più maturo". Il terzo posto oscilla tra la Francia, "molto balneare" e la Polonia, "che si può considerare un bacino emergente". s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte