EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Turismo in Italia: positivo il saldo della bilancia dei pagamenti

11/05/2018 09:59
Crescita significativa delle entrate internazionali per turismo +7,7%, di poco superata dall'espansione delle uscite internazionali +8,9%. Aumentano i flussi di spesa dai Paesi della Ue ed extra-Ue, in lieve contrazione quelli provenienti dagli Stati Uniti -1,7%

Sono stati 39,1 i miliardi di euro spesi dai visitatori internazionali in Italia tra gennaio e dicembre 2017, a fronte di 36,4 miliardi nel 2016. In aumento anche i consumi dei viaggiatori italiani all’estero: 24,5 miliardi nel 2017, contro 22,5 miliardi nell’anno precedente.

Nel 2017, il saldo netto della bilancia dei pagamenti turistica in Italia rimane perciò positivo e pari a 14,6 miliardi di euro, in aumento rispetto a quello registrato nel 2016 (13,8 miliardi, +5,7%). Tale risultato è generato da una crescita significativa delle entrate internazionali per turismo (+7,7%), di poco superata dall’espansione delle uscite internazionali (+8,9%). 

E' il quadro emerso dalla XVIII Conferenza L’Italia e il turismo internazionale. Risultati e tendenze per incoming e outgoing nel 2017, organizzata da Ciset, Università Ca' Foscari di Venezia in collaborazione con la Banca d’Italia.

Le entrate valutarie turistiche

Nella sua relazione introduttiva, Claudio Doria della Banca d’Italia ha evidenziato come nel 2017 le spese dei viaggiatori stranieri in Italia abbiano raggiunto i 39.155 milioni di euro, con un aumento del 7,7% rispetto al 2016. L’andamento è risultato più dinamico rispetto a quello registrato nel triennio precedente (crescita media del 3,2%). Andamenti positivi delle entrate turistiche sono stati registrati in tutte le macro-aree italiane di destinazione. La provincia italiana con il maggior afflusso di entrate valutarie turistiche dall’estero si conferma Roma (6.743 mln), che ha segnato una crescita del 20,3% rispetto al precedente anno. Anche Venezia e Napoli hanno evidenziato incrementi significativi (rispettivamente +19,4% e +17,8%), mentre per Milano e Firenze le entrate sono risultate in diminuzione (-2,4 e -6,3%).

I Paesi che spendono

Guardando ai Paesi di origine, aumentano i flussi di spesa provenienti sia dai Paesi dell’Unione europea (+10,0%) sia dai Paesi extra-Ue (+4,6%). La Germania si conferma la nazione che alimenta le maggiori entrate per turismo in Italia (16,7 % del totale), con un aumento del 14,7% rispetto al 2016. In crescita anche i flussi di spesa dalla Francia (+6,9%), dal Regno Unito (+4,5%), dalla Svizzera (+6,1%); in lieve contrazione quelli provenienti dagli Stati Uniti (-1,7%).

I flussi outgoing

Per quanto concerne i flussi outgoing, le spese degli italiani per viaggi all'estero (in totale 24.557 milioni di euro) hanno proseguito, con maggiore intensità, la recente tendenza positiva, con un aumento dell’8,9% rispetto all’anno precedente. In termini reali, la spesa turistica in uscita ha per la prima volta superato i valori pre-crisi. Tra le principali destinazioni, variazioni positive hanno riguardato gli Stati Uniti (+2,9%), la Spagna (+15,6%), la Germania (+4,9%), mentre una lieve diminuzione ha interessato la Francia (-0,9%) e la Svizzera (-2,0%); più decisa la flessione per il Regno Unito (-8,4%). 
 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us