EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Viaggi e tecnologia: i giovani europei tracciano le nuove tendenze

11/05/2018 12:31
Piacciono assistenti personali e chatbot ad attivazione vocale. Più di 4 viaggiatori online su 10 in Europa li ha utilizzati almeno una volta alla settimana negli ultimi 12 mesi

I giovani viaggiatori europei come interagiscono con i brand legati al mondo dei viaggi? Per comprenderne il comportamento bisogna tener presente che l'innovazione, che ha conquistato il versante travel, ha contribuito a rendere la maggior parte della popolazione più esperta in tecnologia. Non è una sorpresa che i viaggiatori di età compresa tra i 18-34 anni stiano guidando la classifica. 

Le soluzioni di cui tanto si parla oggi si chiamano assistenti virtuali, messaggistica e chatbot. Secondo Phocuswright Research, i viaggiatori europei più giovani, che rappresentano quasi il 40% dell'intera popolazione di viaggiatori europei, hanno più probabilità di essere tra gli utenti che utilizzano con maggior frequenza assistenti personali e chatbot ad attivazione vocale. Numeri alla mano, più di 4 viaggiatori online su 10 in Europa ha utilizzato un assistente vocale o un chatbot almeno una volta alla settimana negli ultimi 12 mesi.

Piace il fatto che i messaggi e gli assistenti vocali offrono una vasta gamma di possibili applicazioni di viaggio, che vanno dalla pianificazione ai servizi di destinazione fino alla condivisione. Tra i trend evidenziati dallo studio, vi è che circa la metà dei viaggiatori europei si dichiara a proprio agio nell'utilizzo di messaggistica per confrontare e scegliere i prodotti di viaggio, contattare la reception dell'hotel o ottenere consigli sulle realtà locali. Una crescita che è in gran parte trainata dai viaggiatori più giovani. 

Il ruolo dei social network

Un altro fenomeno che vede i giovani quali apripista tra i trend di viaggio, è quello della condivisione delle proprie esperienze sui social network. Questo target, secondo lo studio, ha 4 volte più probabilità di utilizzare i social network rispetto ai viaggiatori di età compresa tra i 35 e i 54 anni. Tra i giovani è diffuso l'uso di app come Instagram, Snapchat e Pinterest per condividere esperienze, sono, inoltre, la piattaforma preferita per rimanere aggiornati sui brand prescelti. 

Nel processo decisionale per la scelta della vacanza, i ragazzi di età compresa tra 18 e 34 anni, si lasciano influenzare, oltre che dalle recensioni di viaggi, anche dalle immagini e dai video di amici o di brand legati ai viaggi presenti sui social media. Come si sa i brand attirano l'attenzione dei viaggiatori anche attraverso annunci pubblicitari: due su cinque utenti di social media non si interessano dei post sponsorizzati sui propri feed social, a condizione che siano pertinenti.

Cosa significa questo per il futuro dei viaggi online e del comportamento dei consumatori in Europa? Per saperne di più l'appuntamento è con l'evento Phocuswright Europe 2018, dal 15 al 17 maggio ad Amsterdam, luogo di incontro annuale per i leader dell'industria europea. Guida Viaggi è media partner dell'evento. s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte