EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Gattinoni: "Il futuro è di chi non si omologa"

29/05/2018 09:40
Il network dice la sua sul panorama del travel italiano e disegna lo scenario di mercato, tra normative e nuove opportunità. Senza paura dei nuovi poli

Si traccia il quadro dei temi d’interesse per le agenzie, alla convention di Gattinoni Mondo di Vacanze. Chiusi i capitoli del Fondo di Garanzia e mutata in positivo la Direttiva pacchetti per le agenzie (tolta dallo scoglio dell’emendamento sul rischio) si cercano soluzioni ottimali per il Gdpr: “Abbiamo sostenuto webinar e sono stati inviati i documenti per capire come comportarsi coi dati nei confronti del cliente; ora c'è una piattaforma pronta per dividere i dati sensibili da quelli utilizzabili per il marketing", afferma Sergio Testi, direttore generale del network.

Stessa attenzione per la certificazione necessaria per il Pci-Dss riguardante la biglietteria aerea. Le nuove normative riservano però sorprese per le agenzie: oltre l’Ndc, su cui si sofferma il brillante direttore business travel Eros Candilotti, è oggetto di apprensione, per lo stesso presidente del gruppo Franco Gattinoni, la Reso Iata 890 inerente l'emissione di biglietteria aerea con carte di credito. Dal primo di giugno qualsiasi biglietto emesso da agenzie di viaggi sarà trasmesso con un debit memo, già fissato al 5% per British Airways e probabilmente anche per Iberia. "Una discriminazione rispetto al consumatore, che non paga questa commissione, mentre le agenzie sono obbligate a transazioni con la carta di credito. Per il momento ci sono solo questi due vettori ad applicarla - afferma Gattinoni - ma l'effetto dominio è assicurato, quindi vorremmo trovare un accordo prima che diventi un problema più diffuso".

Il presidente del Gruppo rivolge uno sguardo anche al turismo organizzato italiano facendo notare, a proposito di Valtur, "come spesso la finanza non riesca a coniugarsi con la progettualità di impresa nel mondo del turismo". Nessun timore, tuttavia, né per Alpitour e le sue acquisizioni, né per l'assorbimento di Settemari e Blue Panorama in Uvet: “Abbiamo sempre lavorato con Settemari e continueremo a farlo”.

Positivo il futuro del network, in crescita del 12% nel 2018 rispetto a un +4% del mercato. Dunque per il 2019 gli investimenti sono molteplici. "Abbiamo un nuovo Passepartout: è pronto, ma lo rilasceremo dal primo gennaio 2019", dice Franco Gattinoni. Sarà disponibile anche una nuova app per comunicare con il cliente. “Gli agenti - spiega Testi – avranno una piattaforma b2b2c ottenendo opzioni valide sia per l'agenzia che per il cliente".

La direttrice della rete agenzie, Antonella Ferrari, specifica che questi investimenti non vanno “nella direzione dell'affiliazione selvaggia: perché nella nostra visione del futuro l'impegno più grande è quello della non omologazione".

Isabella Maggi, direttore marketing & comunicazione del Gruppo Gattinoni presenta, infine, gli ultimi investimenti in questo ambito, tra cui la nuova “Gattinoni Gift Card” che da ottobre sarà lanciata sul mercato, supportata da una grande campagna promozionale, che si accompagna a quelle rafforzative sul marchio e l’immagine, già in atto. l.s.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte