EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Adutei e i blogger: valutare meglio le performance

20/06/2018 11:30
Tra i giornalisti vincitori, Alessandra Gesuelli, redattrice di Guida Viaggi, seconda classificata per la sezione quotidiani per un articolo sulla Norvegia scritto per Il Giornale

Adutei e i suoi delegati del Turismo estero in Italia, hanno unificato il premio stampa Roma-Milano. Tra i vincitori di ieri, Alessandra Gesuelli, redattrice di Guida Viaggi, seconda classificata per la sezione quotidiani per un articolo sulla Norvegia scritto per Il Giornale.

A margine dell'evento, Guida Viaggi ha colto l'occasione per chiedere ad alcuni dei rappresentanti dei propri Paesi un commento sulle esperienze vissute con i blogger e gli influencer. La maggior parte si è detta soddisfatta, ma è stata rilevata anche la necessità di valutare meglio le performance.

Nel dettaglio Christos Tsiakas, direttore per l'Italia di Cipro, che dopo 23 anni lascerà la sua posizione, ha dichiarato che la prima esperienza fatta è stata positiva, tanto da ripeterla con altri blogger e che il risultato è stato di "altissima qualità".

Dora Paradies, Ente Abu Dhabi, ha rimarcato che l'ente ha lavorato molto poco con i blogger e che viceversa investe molto sulle relazioni, costituendo rapporti stabili con tutta la stampa. “Abbiamo in programma una serie di incontri sia con trade che con il consumer, per informare costantemente sugli eventi e sui progressi di una destinazione sempre in evoluzione e ascoltare le loro considerazioni”, ha commentato.

Per Malgorzata Furdal, Ente Polonia, l'esperienza fatta con 5 blogger che hanno viaggiato su 5 itinerari diversi è stata positiva, alla luce del nuovo modo di comunicare online soprattutto con i video che vengono postati in tempo reale sui social.

Per la Turchia, Serra Aytun, ritornata a Roma nella carica di direttrice dell'ente dopo qualche anno all'estero, blogger ed influencer hanno prodotto ottimi risultati, anche perché la scelta è andata spesso su blogger che sono anche giornalisti. “Abbiamo creato dei blogger tour sulle destinazioni più note della Turchia come la Cappadocia e Bodrum. In generale il ministero del Turismo dà molta importanza ai blogger e ai social media, considerando che immagini e video arrivano in tempo reale e sono percepite velocemente”.

Di diverso parere Kyriaki Boulasidou, Ente Grecia, che non ha avuto esperienze positive. “Preferisco il giornalista, perché se il testo vale, riesce a trasmettere a tutti i lettori le proprie sensazioni. Comunque alcuni blogger hanno una forza e un peso diverso di altri. Bisogna avere la capacità e la sensibilità di scegliere  quelli validi”.

Per Laura Zancolò, Ente Svizzera, è necessario regolamentare l'accesso ai viaggi. “Nella policy dell'ente ci sono anche i blogger. Attualmente stiamo portando avanti un progetto sul prodotto bike, molto adatto ai giovani e di conseguenza i blogger sono più adatti. Attenzione però agli indicatori. Se negli Usa per esempio un blogger riesce ad avere un milione di like ed è appena sufficiente, in Italia i numeri sono necessariamente diversi, essendo il fenomeno ancora recente rispetto ad altri paesi”.a.to.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte