EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Identity Plus: "Adv, canale su cui investiamo molto"

14/08/2018 11:48
Nel catalogo Collection 111 itinerari, quelli più richiesti nel 2017. Tour di gruppo in lingua italiana a base 2 e a base

Comunicazione, è una delle parole chiave di Identity Plus, che sia social o secondo i canali più tradizionali, resta una priorità per il t.o. "Usiamo Facebook, Instagram, ma portiamo avanti anche una attività di comunicazione con le adv, tramite le newsletter, idee di viaggio, offerte - commenta a Guida Viaggi Daniele Laurendi, a.d. del tour operator -, lavorando sul contatto con il canale trade". Tra le carte giocate c'è quella dei famtrip per le adv, "anche quest'anno abbiamo implementato il numero, ne organizziamo 5/6 all'anno".

Sul fronte numerico le adv codificate dal t.o. sono numerose, un centinaio le top. "Investiamo molto sul canale agenziale e crediamo in un rapporto basato su una conoscenza one to one, organizziamo infatti anche tutta una serie di incontri e cene per poterci conoscere meglio", un aspetto a cui il manager tiene in modo particolare.

Africa e Oceano Indiano, America, Asia, Caraibi, Emirati Arabi e Oman, Europa, Medio Oriente, Oceania, Australia e Pacifico sono le aree che il t.o. tailor made ha in programmazione, tra tour di gruppo, viaggi individuali e crociere (l'operatore è special partner di Norwegian Cruise Line).

Il catalogo Collection raccoglie in 204 pagine 111 itinerari (su circa 300), "quelli che il mercato ha richiesto di più nel 2017 e che abbiamo deciso di proporre in catalogo. Sono tutti tour di gruppo in lingua italiana - precisa il manager -, con pasti compresi. Sono a base 2 e a base 4".

Sul fronte delle mete il manager sottolinea che "da sempre Stati Uniti, Caraibi, Polinesia, Canada ci permettono di raggiungere le migliori soddisfazioni. Sul lungo raggio ad andare bene sono anche Giappone, Africa Australe, Thailandia, Sudafrica e Namibia". Per quanto riguarda il corto raggio il manager segnala "Oman, Giordania e Israele, quest'ultimo in particolare sta dando grandi risultati, ma ci sono anche Dubai ed Abu Dhabi". 

Intanto, sul fronte delle proposte sono al vaglio alcuni ragionamenti "in termini di ampliamento della programmazione", anticipa il manager. s.v.

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte