EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Direttiva: servizi turistici collegati e responsabilità tra i dubbi delle adv

18/09/2018 15:16
Massimo Segato, direttore rete indiretta Welcome Travel, si sofferma sui punti su cui si sono concentrate maggiormente le domande delle affiliate

Cosa chiedono le adv in termini di chiarimenti sulla direttiva europea? Tra i punti su cui si sono concentrate maggiormente le domande c’è quello “dell’agevolazione dei servizi turistici collegati”. Massimo Segato, direttore rete indiretta Welcome Travel, analizza il tema sulla base delle richieste avanzate dalle stesse affiliate ed osserva che "nel momento in cui l’adv vende in relazione allo stesso viaggio due servizi acquistati da diversi fornitori e non li assembla in un pacchetto, la responsabilità è in capo ai singoli fornitori, non della adv. Nella agevolazione i due servizi venduti ciascuno al loro prezzo, non vengono fusi in un prezzo unico”, spiega il manager. E' pertanto chiaro quanto sia importante che l’adv dichiari “che si sta ponendo come agevolatore, in quanto se non lo fa ricade per legge nel ruolo dell’organizzatore con maggiori responsabilità”.

Secondo Segato il tema dell’agevolazione “può essere molto utile per l’adv, in quanto è un tipo di vendita dove la responsabilità è limitata, essa deve dare solo le giuste informazioni pre-contrattuali ed essersi dotata delle coperture assicurative (ad esempio quella che sostituisce l'ex fondo di garanzia pubblico)”. L’agevolazione, quindi, si conferma “il punto nevralgico nella voglia di capire per non fare errori”. 

Il livello delle responsabilità

Il secondo aspetto è il livello delle responsabilità. Segato spiega che sin qui la tendenza è sempre stata quella di “far rientrare, nella prassi, la vendita dei gruppi nella fattispecie dell'organizzazione in quanto sul piano fiscale vengono gestiti con le regole del 74ter. Ora la legge ha chiarito che, quando l’adv vende un pacchetto acquistato da un t.o. senza aggiungere altri servizi, anche se si tratta di un gruppo, opera in regime di intermediazione. Il che evita la confusione che le adv tendono a fare tra piano giuridico e fiscale. Deve però dare tutte le informazioni giuste e fornire anche gli estremi della copertura assicurativa contro insolvenza e fallimento del t.o. di cui si avvale”. A tal proposito Welcome ha fatto un recruiting presso tutti i t.o. messi a disposizione delle adv per sapere le compagnie con cui si sono assicurati e ha messo a disposizione delle adv queste informazioni. s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte