EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Idee per Viaggiare, una politica che crea prodotto assieme alle adv

24/10/2018 11:05
Il t.o. lancia la nuova filosofia catalogo, rafforza il portfolio di mete, mette a segno un +20% di fatturato, "al di sopra delle aspettative" e prosegue con il progetto Tapis Rouge

Le macro-aggregazioni in atto nel settore del tour operating non lo spaventano, anzi pensa che possano essere un'opportunità per rafforzare ancora di più il legame con il canale agenziale, crede fortemente che il catalogo sia uno strumento di vendita importante, per questo ha messo in atto un restyling ad ampio spettro, che investe non solo in grafica, contenuti e prodotto, ma anche in un nuovo modo di presentare le destinazioni, che accompagnerà tutte le attività in essere sul fronte della promozione e degli eventi correlati. Investe nella tecnologia, riservandole un nutrito team di esperti (una decina) e sa che i canali social (#entrainagenzia) sono la nuova chiave di comunicazione da cui non si può prescindere. E' Idee per Viaggiare in roadshow in questi giorni tra Milano, Roma e Napoli, per incontrare le adv e presentare loro il nuovo concept del catalogo e il pensiero di fondo che vi sottostà, frutto di un lavoro che ha visto partecipare i diversi comparti del t.o. in un gioco di squadra molto stimolante.

Quattro cataloghi (Iter sublime, Ideemoon, Eleganti atmosfere, Esperienze di viaggio) e quattro elementi naturali (acqua, aria, terra e fuoco) che fanno da filo conduttore, quale nuova modalità di intendere le destinazioni e di raggrupparle in brochure sulla base di accostamenti non del tutto immediati. I Fabulous 4, che in questi giorni stanno arrivando in adv, sono "un'ottima campagna di marketing", ha affermato Roberto Massi, sales manager del t.o. in occasione della tappa milanese di ieri.

Tra le mosse c'è un'implementazione sul fronte del prodotto con la nuova nata Tanzania e Zanzibar, che il t.o. sognava da un po' di poter proporre, e il mercato sta già dando la sua risposta positiva, "per Natale Zanzibar è molto richiesta dal mercato italiano - commenta Silvia Bellisio, area marketing di Idee per Viaggiare -. Tra le mete che stanno performando bene ci sono anche il Sudafrica, la Namibia, il Botswana, ma anche mete quali Giappone ed Australia". Se l'Africa si distingue per le buone performance, sotto i riflettori ci sono anche gli Emirati, complici una serie di eventi di grande portata, l'Expo 2020 a Dubai e i Mondiali di calcio in Qatar nel 2022. Occasioni interessanti per chi propone queste aree.

Il 2018 porterà buoni risultati, il che vuol dire un +20% di fatturato, "al di sopra delle aspettative", commenta Massi, che riconosce anche come il progetto Tapis Rouge "abbia trainato". Ad oggi sono 85 punti vendita, sono quelle adv che seguono il t.o. in modo costante, che hanno deciso di investire su IpV e di orientare sull'operatore il grosso del loro venduto. "Ad oggi sfiorano il 30% del fatturato quanto ad incidenza - sottolinea il manager -, il primo novembre lanceremo il 3° anno del progetto. Si conferma la linea preferenziale sotto certi aspetti e per il regime commissionale. Non ci sono obblighi contrattuali, ma si dà valore alla stretta di mano". Il numero di adv selezionate si conferma su questo target, non c'è l'intenzione di accrescerlo. Una mossa coerente quella del "tappeto rosso per le adv", che conferma la sua filosofia di fondo che investe cataloghi, immagini, prodotto e anche punti vendita sul fronte del servizio offerto. 

Si diceva che il t.o. non vede le macro-aggregazioni come una "minaccia, ma come un'opportunità per fare ragionamenti anche singoli con le adv, pur mantenendo ottimi rapporti con tutti i network", fa presente Massi, infatti la politica sulle reti si sta rafforzando con la sigla di nuovi accordi. L'idea di Idee per Viaggiare con le adv è quella di "sfruttare un rapporto di crescita che non deve essere legato in modo maniacale ai numeri, ma piuttosto basarsi su di una stretta di mano per andare a conquistare assieme nuovi clienti, con un investimento congiunto IpV e punto vendita su quel determinato territorio per creare prodotto, campagne e un nuovo fatturato che le adv non hanno ancora, ma facendo leva sulla conoscenza che hanno del territorio in cui operano", il tutto in una logica b2b2c da cui non si può più prescindere oggi. Un progetto che, a detta del manager, potrà decollare non prima di due anni.

Numeri alla mano sono 1500 le adv su cui il t.o. basa la propria crescita, dedicandovi 14 commerciali più 2 area manager, coprendo tuttte le regioni italiane. Una rete vendita che è stata recentemente rafforzata, "stiamo inserendo dei doppioni su alcune aree - afferma Massi -. Con 3 nuovi commerciali negli ultimi due mesi". s.v.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte