EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

I visti cinesi vanno a Cits, che ora copre anche l’Italia

05/11/2018 11:15
Lo studio legale Dentons ha assistito l’acquisizione del servizio da China Bridge

Lo studio legale Dentons, con il partner Junyi Bai, co-head del China desk in Italia, ha assistito Cits nell’acquisizione del Chinese visa application service center (Cvasc) ceduto dalla China Bridge, società controllata da Bank of China, che si occupa dell’erogazione del servizio visti per il consolato cinese.

Cits è un colosso statale cinese operante a livello globale nel settore del turismo: con questa operazione espande ulteriormente la propria operatività in Europa, coprendo anche il territorio italiano.

“L’operazione si caratterizza per essere uno dei rari casi, per il mercato italiano, in cui le parti sono entrambe cinesi ed entrambe a partecipazione pubblica – spiega lo studio di avvocati milanese-. Inoltre stante la peculiarità del business del Cvasc, è stata necessaria una complessa opera di mediazione con le autorità preposte in Cina per il rilascio delle necessarie autorizzazioni”.

China Bridge è stata assistita dallo studio legale De Falco e Grompe, con un team composto dal socio Raffaele De Falco e dagli avvocati Davide Cinelli e Nicoletta Manfredi per tutti gli aspetti contrattuali e giuslavoristici.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte