EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Network e t.o. alleati delle agenzie nella trasformazione digitale

06/11/2018 11:00
Il grosso del mercato del turismo è nell’offerta tradizionale, che sta scoprendo i benefici dell’online e di combinare il servizio offline quale soluzione ideale. Ecco chi aiuta la distribuzione a evolvere

Le agenzie di viaggio ritengono che il punto di riferimento della loro trasformazione digitale sono i network e i tour operator. E’ quanto emerge da una indagine dell’Osservatorio innovazione digitale nel turismo del Politecnico (School of Management), nell’ambito dell’ultima ricerca sul turismo digitale che oggi si attesta a 14,2 miliardi di euro di transazioni e corrisponde al 24% del mercato dei viaggi.

Per il 44% degli agenti di viaggio intervistati, ad “aiutarli” nel processo di digitalizzazione sono le reti, valore che diventa del 32% di coloro che assegnano ai t.o. il merito. Interessante notare che non sono società tecnologiche, come ad esempio i Gds, ad essere citati come alleati, in questa fase in cui la distribuzione turistica ha imboccato la strada della consapevolezza di un mercato online florido, in cui la commistione sempre più spinta con l’offline si conferma cruciale, per poter offrire vero valore al cliente.

“Alcuni network di adv sono nel pieno della trasformazione e non a caso registrano tassi di crescita a doppia cifra – osserva la direttrice dell’Osservatorio, Eleonora Lorenzini  -. E insieme ai tour operator rappresentano le due macro-categorie di attore ‘tradizionale’ in cui si respira una forte aria di innovazione”.

Ulteriore novità da non sottovalutare è che sono sempre più frequenti le notizie di nuovi servizi offerti dalle startup high-tech alla distribuzione turistica. Alcuni esempi di questa alleanza sono le piattaforme b2b per prenotare case vacanza o esperienze in-destination, o ancora un servizio di conto elettronico associato alle liste nozze che consente ai clienti delle agenzie di raccogliere denaro dagli invitati e riutilizzarlo all’interno di un circuito di aziende partner.

L’indagine del Politecnico, molto ampia, rileva che a crescere grazie al digitale è anche tutta quella grossa fetta dell’offerta turistica, che rientra nel restante 76% del mercato, generalmente chiamata ‘tradizionale’, ma che in realtà sta scoprendo le potenzialità di un’innovazione digitale che non è solo e-commerce, come erroneamente fino a pochi anni fa molti pensavano.

“L’offerta tradizionale sta decollando grazie a molteplici spinte innovative – conclude Lorenzini-. L’agenzia del futuro sarà quella in cui fisico e digitale troveranno la sintesi di maggior valore per il cliente, una sintesi che appare in continua evoluzione”. p.ba.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte