EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Indagine Ue su Sabre e Amadeus

27/11/2018 12:49
L'obiettivo è verificare se i Gds limitino la concorrenza e, quindi, violino le norme antitrust comunitarie; le due società replicano: gli accordi di full content e i contratti con le agenzie di viaggio sono favorevoli alla concorrenza

La Commissione europea ha avviato un'indagine su Sabre e Amadeus per verificare se  i Gds limitino la concorrenza e, quindi, violino le norme antitrust dell'Unione Europea.

Secondo l'Ue, l’indagine si concentrerà sui termini degli accordi delle società con compagnie aeree e agenzie di viaggio, che potrebbero limitare la capacità delle adv di utilizzare altri servizi di distribuzione di biglietti.

"Ciò potrebbe rendere più difficile l’ingresso nel mercato per i fornitori di nuovi servizi di distribuzione di biglietteria, nonché potrebbe aumentare i costi di distribuzione per le compagnie aeree, che alla fine vengono trasferiti nei prezzi dei biglietti pagati dai consumatori", ha detto l'Ue in una nota.

Sabre ha sede a Southlake, in Texas, Amadeus a Madrid. Il concorrente Travelport, con sede a Langley, Regno Unito, non fa parte dell'indagine della Commissione.

In una dichiarazione, Amadeus ha detto che collaborerà con l’indagine, "che era prevista da un po' di tempo".

"Il processo confermerà che le nostre pratiche commerciali sono pienamente allineate con i requisiti legali e normativi", ha detto Amadeus, osservando che gli agenti possono scegliere i Gds con cui lavorano (incluso il fatto di lavorare con più di uno) e le compagnie aeree possono decidere quali tariffe rendere disponibili nel Gds.

"Amadeus è sinonimo di equità e neutralità nella distribuzione delle compagnie aeree, fornendo un accesso al mercato non discriminatorio e neutrale per le compagnie aeree e la scelta per i consumatori e gli acquirenti di viaggi", afferma la nota. "Amadeus continuerà a sostenere con forza la necessità di un mercato forte e neutrale per la distribuzione delle compagnie aeree".

In una dichiarazione, Sabre ha detto che "rimane impegnato nell’offrire un accesso competitivo per le agenzie di viaggio ai contenuti delle compagnie aeree nel sistema Sabre e nel fornire soluzioni che bilanciano il valore per compagnie aeree, agenzie, società e viaggiatori".

La società ha dichiarato che collaborerà con l'indagine della Ue e che "accoglie con favore l'opportunità di dimostrare ulteriormente alla Commissione che gli accordi di full content e i contratti con le agenzie di viaggio sono favorevoli alla concorrenza".

Inoltre continuerà “a lavorare a stretto contatto con le compagnie aeree e le agenzie di viaggio per soddisfare le loro esigenze e in particolare per aiutare le compagnie aeree a commercializzare i loro prodotti e servizi attraverso il trade nel modo che desiderano”.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte