EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

La proposta di Patanè: creare il Dipartimento del turismo

14/12/2018 10:30
Il presidente di Confturismo-Confcommercio sensibilizza il ministro Centinaio sull'importanza dei dati e propone di sedersi attorno a un tavolo per collaborare alla creazione di un centro raccolta e analisi

Secondo Luca Patané, presidente di Confturismo-Confcommercio, per il turismo non è più tempo di vivere alla giornata. Per questo il manager ha dichiarato, durante la serata conviviale che si è svolta a Roma: “Al ministro Centinaio proponiamo di sederci a un tavolo per collaborare alla creazione di un centro raccolta e analisi dei dati sul turismo, troppo spesso frammentari e contraddittori. E' necessario partire dalle statistiche attuali, rafforzandole con altre fonti e con gli strumenti più moderni, ad esempio della web analysis. Confturismo – ha rimarcato il manager – è pronta a fare la sua parte anche dal punto di vista finanziario. I dati servono come il pane agli operatori e ai decision maker delle politiche di settore. Non si può continuare a navigare a vista su dati consuntivi – spesso in ritardo – e senza supporti adeguati per le previsioni”.

Secondo quanto emerso dai dati di ricerca condotti da Confturismo-Confcommercio insieme all'istituto Piepoli e all'Osservatorio di Andrea Giuricin dell'Università Milano Bicocca, diffusi durante la serata, crescerà la spesa degli italiani per le prossime vacanze invernali con un maggiore importo per le vacanze all'estero, quantificati in 740 euro procapite contro i 660 dello scorso anno.

Aumenteranno, rispetto allo scorso anno, gli italiani che trascorreranno le vacanze invernali all'estero, soprattutto tra i giovani tra i 18 e i 35 anni. La maggioranza (7 su 10) di chi ha intenzione di fare un viaggio nei prossimi mesi, resterà in Italia. Il turismo darà un surplus sulla bilancia commerciale tra gennaio e marzo 2019 di 1,5 mld di euro, 300 mln in più dello scorso anno. Previsto il rafforzamento nei prossimi mesi invernali del flusso in Italia di turisti stranieri provenienti da Germania, Usa, Francia e Uk, anche se Paesi quali Egitto, Tunisia, Grecia e Turchia sono tornati ad essere concorrenziali.

Patanè ha auspicato che il ministro Centinaio sappia gestire, ascoltare e usare i dati forniti dallo studio. “Per il turismo non è più tempo di vivere alla giornata - ha asserito -. Noi vogliamo essere d'aiuto alla politica che va e viene. Necessario, da subito, creare il Dipartimento del Turismo composto principalmente da tecnici con i quali le nostre organizzazioni possano confrontarsi utilmente. Dobbiamo passare dai progetti alla realtà, entro i primi tre mesi del 2019, o sarà troppo tardi. Purtroppo i tempi delle imprese non sono quelli della politica. Ripartiamo dal Piano Strategico di sviluppo del turismo del 2016, adottiamolo come schema di ragionamento, aggiorniamolo ed implementiamolo. E' uno strumento che esiste, ma del quale non se ne parla da mesi. E per quanto riguarda la modernità delle strutture, questa deve essere garantita per far sì che questo trend positivo non si dissolva”. a.to.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte