EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

"Dimmi come viaggi" indaga le abitudini dei viaggiatori

12/02/2019 17:16
Promosso dall’ente Thailandia. Cresce lo stopover nelle metropoli di Hong Kong, Singapore e Dubai

Raggiunge la sesta edizione il progetto "Sognando la Thailandia", iniziativa di social media placement turistico il cui obiettivo è la promozione della destinazione in maniera non convenzionale. Da una parte l’ente del Turismo (ideatore del format, insieme a Valica) che racconta il Paese in maniera più istituzionale, dall’altra testimonial che si fanno portavoce dell’esperienza vissuta durante il viaggio. Il progetto, quest’anno, è stato arricchito dall’indagine “Dimmi come viaggi” che ha coinvolto oltre 8000 persone intervistate per capire meglio la percezione dei viaggiatori oggi. Tre le fasce generazionali coinvolte: 18% Millennials (18-34 anni),
38% generazione x (35-54 anni), 44% baby boomers (over 55). “Asia e Medioriente si attestano come destinazione preferita a lungo raggio, preceduta dagli Stati Uniti – spiega Sandro Botticelli, marketing manager dell’ente nazionale del turismo della Thailandia -. I numeri, infatti, ci danno ragione: siamo passati da 140mila italiani nel 2008 a 280mila nel 2018, con una percentuale di soddisfazione pari all’80%. Crescente l’interesse soprattutto per le attività da praticare nei piccoli villaggi sparsi nell’entroterra thailandese, un’assoluta novità sul nostro mercato”.

Una destinazione a lungo raggio che ha visto crescere dell’80% lo stopover in una grande città tra Hong Kong, Singapore o Dubai, soluzione scelta dal 70% dei viaggiatori. Cathay Pacific, compagnia aerea partner del progetto Sognando la Thailandia, vola su tre destinazioni del Paese: Bangkok, Phuket e Chiang Mai. “Hong Kong è lo stopover che registra maggior apprezzamento – spiega Mary Retzler, marketing communication manager del vettore - grazie anche agli 8 collegamenti giornalieri con Bangkok. Il 2018 ha segnato una crescita a doppia cifra nel numero di passeggeri verso la Thailandia. Abbiamo apportato importanti aggiornamenti sia sul sito che sulla app per renderli maggiormente coinvolgenti e interattivi, con la possibilità inoltre di mantenere bloccata la tariffa per 72 ore prima di procedere all’acquisto del biglietto”. s.f.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte