EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Dubai, visti e pacchetti per uno stopover esperienziale

27/03/2019 11:55
Il valore totale dei 195 progetti attivi relativi al settore aviation in Medio Oriente ha raggiunto, nel 2018, i 50 miliardi di dollari

Secondo un report di Collier International che anticipa Arabian Travel Market 2019, il 63 per cento dei viaggiatori atterrati all'aeroporto di Dubai nel 2018 erano passeggeri in transito e solamente l'otto per cento di questi ha lasciato l’aerostazione per visitare gli emirati. Una statistica che invita a riflettere su come rendere migliore il tempo tra un volo e l’altro e che è scaturita in proposte dedicate ai turisti stopover negli Emirati Arabi Uniti.

Avendo Dubai l'obiettivo di toccare i venti milioni di turisti annuali – il settanta per cento dei quali provenienti da fuori l’Uae – entro il 2020, cui se ne aggiungono cinque milioni tra ottobre 2020 e aprile 2021 in occasione di Expo2020, nell’emirato si pensa a un ventaglio di iniziative per incrementare il turismo stopover, inclusi nuovi visti transito e pacchetti turistici dedicati.

"Nell'ultimo anno - afferma Danielle Curtis, exhibition director Me Arabian Travel Market - l’Uea ha introdotto un nuovo visto che offre a tutti i passeggeri in transito l’esenzione da fee d’ingresso nel Paese per quarantott'ore, con l'opzione di poterle estenderle fino a 96 al costo di cinquanta dirham degli Emirati Arabi Uniti (poco più di 12 euro). Questa formula di visto non è solo positiva per il turismo, ma per l'intera economia locale, invogliando i passeggeri a vedere il loro transito non solamente come un indesiderato ritardo nello scheduling del viaggio ma come una preziosa opportunità per aggiungere valore alla propria esperienza di viaggio con le molte offerte che l’Uae può offrire.

Secondo Iata, il Medioriente assisterà a un aumento 290 milioni di passeggeri aerei per, da e all'interno della regione entro il 2037, con un mercato totale che arriverà a cinquecento milioni di passeggeri. La previsione in positivo è confermata dai dati di Atm 2018, che mostrano un incremento del 13% 2017 vs 2018 degli attori interessati ad acquistare prodotti e servizi air.

“Questa stima di crescita - aggiunge Curtis – indica Dubai e tutto il Medio Oriente come la location ideale per mettere in contatto il business e i professionisti del settore aviation e l’industria turistica per l'inaugurale Connect Middle East, India & Africa forum si terrà durante gli ultimi due giorni di Atm 2019”.

Secondo Bnc Network, il valore totale dei 195 progetti attivi relativi al settore aviation in Medio Oriente ha raggiunto, nel 2018, i 50 miliardi di dollari.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte