EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Quality Group: il sogno "irrealizzabile" di Michele Serra

20/05/2019 15:28
"Vorrei arrivare dall'altra parte del mondo a gestire l'ospitalità dei miei clienti. Vorrei arrivare a 100 volte quello che faccio oggi", afferma il manager

Una progressiva differenziazione in tre filoni, "immobiliare, online e il terzo filone riguarda quegli operatori che puntano sulla specializzazione del viaggio, perseguendo una nicchia su una esperienza di viaggio sempre più sofisticata per sfuggire alla disintermediazione". Michele Serra, presidente Quality Group individua questi tre filoni di differenziazione nel settore. Il Quality ovviamente appartiene al terzo.

Dal canto suo il manager ha un sogno, che però definisce "impossibile", ma non lo vuole abbandonare, perché "guardando ai sogni si esce dalle secche - ha affermato durante la recente convention di Uvet Travel System -. Il mio sogno è arrivare dall'altra parte del mondo a gestire l'ospitalità dei miei clienti. Poter dire Buongiorno, io sono Quality Group ho organizzato il suo viaggio e vi ospito...". Tutto ciò pensa che sia irrealizzabile per limiti che sono "di tempo, di mentalità dovuta alla struttura e di filosofia aziendale che ci siamo dati - motiva il manager -. Oltre a certi livelli non possiamo andare".  

Nel momento in cui gli viene fatto presente che forse questo tipo di accoglienza la stia già offrendo, replica, convinto: "Vorrei arrivare a 100 volte quello che faccio oggi. La mia visione del mercato è coscientemente parziale - asserisce -, è una mia verità, ma so benissimo che è una verità parziale, accanto alla mia ne convivono oltre un miliardo. Il Quality come è adesso non è modificabile se non cambiandolo del tutto". Per rafforzare il concetto, Serra aggiunge: "Se non uccidendolo", tra scherzo e verità. s.v.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte