EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Accordi in vista per Primarete sul fronte Aip?

29/05/2019 08:38
Secondo rumors di mercato l’operazione potrebbe essere portata avanti da Travelbuy. Intanto arriva in redazione una nota stuzzicante del gruppo

Secondo quanto risulta a Guida Viaggi, sulla base di rumors di mercato, l’intento di Primarete potrebbe essere quello di andare ad allargare la base di adv in Aip. Il che ci porta a pensare che l’operazione potrebbe essere portata avanti da Travelbuy, che ad oggi conta 105 filiali in Aip e 18 adv in franchising.
Non si può che constatare come il fronte delle reti sia tornato ad essere caldo. Un po’ perché è stato protagonista in questi ultimi fine settimana per le varie convention che si sono susseguite, un po’ per le dichiarazioni rimbalzate da una platea all’altra, un po’ per recenti operazioni che hanno visto la produzione fare il suo affondo ancora una volta nel mondo della distribuzione, ma anche per movimenti silenziosi che stanno avanzando, che poi tanto silenziosi non sono. E la conferma arriva dalla nota stuzzicante inviata ieri da Primarete, che in un certo qual modo va a dare man forte ai rumors pervenuti.

Il network è stato protagonista anch’esso della sua recente convention dove ha avuto modo di lanciare sul mercato un po’ di messaggi e progetti, fatti o in fieri. Dal ritorno di Columbus nelle adv, all’avanzamento del digital network, ai ragionamenti ad ampio spettro fatti dal management che sempre più si dice convinto di guardare oltre confine, forse non solo a titolo di ispirazione.

In ogni caso è la stessa nota, sibillina, di Primarete, a parlare di “nuovi ed insistenti rumors” in arrivo “dal mercato sull’immediato cambiamento di assetto di alcuni player di medie dimensioni. Le voci sembrano puntare i riflettori sul gruppo veneto Primarete. Eppure nonostante il grande effort dedicato al lancio del tour operator Columbus Vacanze, sembra che il network non abbia terminato le energie e neanche gli assi nella manica”.

La nota richiama quanto accennato dal presidente Ivano Zilio, durante la convention di aprile, cioè le sue dichiarazioni su “un futuro in espansione, non solo in termini di fatturato, alludendo anche all’aumento delle dimensioni tramite alleanze strategiche e/o partnership societarie. Puntando ai 400 punti vendita in tutta la penisola italiana. Se effettivamente non fossero solo rumors e venissero confermate le voci, potremmo assistere ad una forte scossa per l’intero mercato della media distribuzione organizzata”. Cercheremo di capire se la pista che stiamo seguendo è quella giusta. s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte