EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Scambio di quote paritetico Travelbuy-Sitravel

07/06/2019 18:20
Nasce una realtà da 170 adv in Aip. L'obiettivo è che entro il 31 dicembre 2019 i due network siano integrati. Condivideranno la gestione dal 2020 con un'unica offerta di affiliazione sul mercato

Travelbuy-Sitravel. Svelata l'operazione di cui da giorni si stava parlando. Si tratta di uno scambio di quote paritetico tra i due network in Aip. "Travelbuy ha acquisito il 49% di Sitravel e a sua volta Sitravel ha acquisito il 49% di Travelbuy", racconta a Guida Viaggi Alfredo Vassalluzzo, amministratore unico di Travelbuy. Perché è stata scelta questa formula? "Siamo due network simili, noi siamo un po' più grandi come numerica, loro hanno la stessa struttura. Abbiamo voluto evitare la filosofia dell'uno che domina l'altro - spiega Vassalluzzo -, ma lavoreremo per arrivare all'integrazione dei due network che sulle adv in Aip hanno modelli diversi di gestione". 

Un lavoro che è stato ovviamente pianificato, l'obiettivo è che entro il 31 dicembre 2019 i due network siano integrati, "per iniziare nel 2020 con i sistemi integrati sul fronte della gestione, marketing e commerciale. Per le adv non cambia nulla - asserisce Vassalluzzo -. Abbiamo un sistema simile, le modifiche saranno fatte a monte. I punti vendita manterranno lo stesso format che hanno oggi".

Cosa succederà ai due marchi? Resteranno separati. "Travelbuy avrà la sua linea di affiliazione e Sitravel la sua. Condivideremo la gestione dal 2020 con un'unica offerta di affiliazione sul mercato". Come precisato anche da Simone Aggio, amministratore unico di Sitravel, che conta oltre 60 adv, "i due brand rimarranno in piedi, si creerà un'unica realtà dal punto di vista societario". 

L'operazione è stata conclusa ed è stata comunicata alle adv. Ad oggi siamo di fronte ad una realtà in Aip da 170 punti vendita. Una numerica che rende sempre più vicino l'obiettivo dichiarato da Ivano Zilio, presidente di Primarete (che controlla il 45% di Travelbuy, ndr) di arrivare a 400 punti vendita, si ipotizza entro fine 2020 e 500 entro il 2021.
Un'operazione nuova sul mercato dell'Aip? Più che nuova Vassalluzzo si sente di definirla come "una mossa atipica, un'operazione alla pari". Entro fine 2019 saranno aperti 30-40 punti vendita dichiarano i due manager. Ad oggi il giro d'affari complessivo è di 40 mln di euro

"E' un'operazione di scambio paritetico - commenta Aggio -, nessuno perde nulla, ma tutti acquistano vantaggi. Non c'è nessuno che vende, ma solo due realtà che acquistano. Per diversi mesi ho parlato con Vassalluzzo per capire l'omogeneità esistente tra noi due, che ho trovato in una serie di aspetti, in primis, il lavorare sul campo, la passione per questo settore e poi ho cercato di capire come si potesse realizzare la convivenza tra le due reti, che sono speculari". I punti di convergenza sono tanti, a partire dal format molto simile, spiega Aggio. "Abbiamo scoperto diversi punti in comune, in termini di tecnologia e di prodotto, e sugli obiettivi che vogliamo raggiungere. Stiamo cercando di creare una serie di strumenti che possano portare valore aggiunto. Per esempio il t.o. che abbiamo lanciato, Itravel, è un'operazione propedeutica e l'obiettivo è che il 50% del prodotto che vorremmo far vendere alle adv sia prodotto nostro. E' questo aspetto che fa la differenza verso altre reti. Quale altro network in Aip ha il proprio t.o. diretto?", domanda Aggio. A suo dire "il supernetwork non esiste, ci si deve impegnare per creare qualcosa che soddisfi le esigenze degli imprenditori che lavorano con noi. Io credo nelle aggregazioni", afferma il manager.

L'obiettivo è chiaro: "Integrare sempre di più servizi, prodotto e assistenza, seguendo un concetto base, cioè non si può stravolgere tutto in due minuti - afferma Aggio -, ma passare dalle sinergie all'integrazione".
Il valore dell'operazione? "E' sul progetto, in questo caso 1+1 fa 3 in quanto se metto insieme Sitravel e Travelbuy moltiplicano la crescita e gli strumenti comuni", aggiunge Aggio.

Un'ultima considerazione, ma questa la facciamo noi, una volta integrate le due reti vedremo quale sarà la scelta commerciale che sarà fatta. s.v.  

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte