EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Aerei senza pilota: il 70% è pronto a utilizzarli

20/06/2019 11:15
Il Global Autonomous Vehicle Study di Ansys analizza l’atteggiamento dei consumatori nei confronti dei velivoli autonomi

Il 70% delle persone intervistate afferma di essere pronto a volare su un velivolo autonomo nel corso della propria vita. Il dato emerge da un’indagine globale commissionata da Ansys, Global Autonomous Vehicle Study, per misurare i livelli di fiducia e le preoccupazioni degli utenti nei confronti degli aerei a guida autonoma.

Mentre il 70% degli intervistati è pronto a volare su un aereo autonomo nel corso della propria vita, solo il 58% si dice disposto a farlo nel prossimi dieci anni. Il 12% preferisce attendere più di 10 anni. Ma quali sono i timori dei consumatori? Alla richiesta di indicare le loro maggiori preoccupazioni riguardo ai voli autonomi, gli intervistati hanno espresso timori soprattutto a proposito di guasti tecnici (65%) e della capacità del pilota automatico di reagire a condizioni esterne come il maltempo o le turbolenze (57%)

Il 71% degli intervistati non ha timori riguardo alla sicurezza del decollo; il 76% non è preoccupato da un atterraggio autonomo. Solo il 7% del campione era consapevole di quanto gli aerei siano già oggi autonomi. Quando gli intervistati hanno saputo che con ogni probabilità solo i primi e gli ultimi 10 minuti del loro ultimo volo erano stati controllati dal pilota mentre il resto del volo era stato gestito dal pilota automatico, il 36% ha dichiarato che allora si sentirebbe molto più sicuro in un aereo completamente autonomo.

L’83% degli intervistati tra i 18 e i 24 anni si dice pronto a volare su un aereo autonomo nel corso della vita, mentre la percentuale scende al 45% per gli over 65. Il 39% degli intervistati ritiene che il sistema tecnologico di un aereo autonomo sia il più difficile da hackerare, paragonato a quello dei conti correnti (27%), degli smartphone (17%), dei computer (14%) e delle auto a guida autonoma (12%).  Più della metà degli intervistati (63%) dice che sarebbe sicuramente o molto probabilmente disposto a usare un aerotaxi.

“I primi aerei autonomi entreranno probabilmente in servizio entro i prossimi dieci anni - afferma Priyanka Chimakurthi, senior research analyst di Frost & Sullivan - e saranno adibiti a spostamenti tra diverse città o all’interno della stessa città, soprattutto per il trasporto merci e come aerotaxi. L’aumento dell’automazione nei grandi jet commerciali sarà invece graduale: si partirà dalla presenza di un solo pilota a bordo per arrivare alla gestione totalmente autonoma. L’automazione continuerà senza dubbio a trasformare il trasporto aereo, come è accaduto negli ultimi vent’anni, ma sono molte le sfide da superare, a partire dalla percezione dei passeggeri per arrivare ai vincoli pratici, alle tecnologie di propulsione e alle batterie”.

I risultati di questa ricerca appaiono incoraggianti per l’intera industria aerospaziale: le persone sono pronte per una nuova era del trasporto aereo - sostiene Eric Bantegnie, vice president e general manager della business unit Ansys Systems -. Le soluzioni digitali per la sicurezza giocheranno un ruolo importante per permettere ai produttori di rispondere alle richieste dei clienti”. 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte