EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Austria, in crescita i turisti italiani

26/06/2019 15:37
Natura, benessere e spa: ecco cosa prediligono i nostri connazionali

Nei primi quattro mesi di quest’anno ha messo a segno un +10,8% negli arrivi italiani, attestatisi a 286.100, e un +10,6% nei pernottamenti, a quota 693.200. Si tratta dell’Austria e a diramare le cifre è Oskar Hinteregger, region manager Austria Turismo per il Sud Europa (Italia, Francia, Spagna).

Sul fronte estero si viaggia con trend diversi: gli arrivi stranieri sono stati 10.637.900 (+2,4%), mentre i pernottamenti 44.411.600  (-0,4%). E come si è chiuso il 2018? “Dal Belpaese – spiega Hinteregger – gli arrivi sono stati 1.098.950  e i pernottamenti 2.862.824. Per i mercati internazionali, si sono registrati 30.802.500 arrivi stranieri e 110.379.900 pernottamenti”. Le prospettive la chiusura d’anno sembrano, dunque, buone: “Siamo fiduciosi che i numeri resteranno in salita – commenta il manager - e che il 2019 porti risultati positivi, per gli ospiti provenienti dall’Italia così come per i flussi turistici internazionali in genere. Dall’Italia in particolare la città di Vienna approfitta dei nuovi collegamenti aerei, ad esempio da Bari, Catania e Firenze”.

Il pubblico tricolore è appassionato di natura, benessere e spa. Ecco perché l’intenzione dell’ente è di focalizzarsi ulteriormente nella comunicazione di questo tipo di offerta. Inoltre, “nuovi collegamenti aerei offrono agli ospiti italiani ottime possibilità di visitare, oltre alla capitale Vienna, destinazioni ricche di attrattive, ma decisamente meno note. Come la Valle del Danubio – spiega Hinteregger -, il tratto chiamato Wachau, solo un centinaio di chilometri a ovest di Vienna, è patrimonio Unesco, oppure il territorio danubiano intorno a Linz, Unesco City of Media Arts. O ancora il Salzkammergut, territorio ricco di laghi e borghi storici – prosegue il region manager -, per finire con Graz, la seconda città dell’Austria da visitare per il mix notevole di patrimonio architettonico storico e contemporaneo, e i suoi dintorni. Da non dimenticare Salisburgo, che si raggiunge in treno da Vienna in sole due ore e mezza, attraversando paesaggi di grande bellezza”. n.s.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte