EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Fondazione Cortina 2021: le Olimpiadi devono segnare un punto di svolta

25/06/2019 16:08
L'a.d. Valerio Giacobbi: "Un'occasione straordinaria di rimettersi in gioco"

"Siamo felici e orgogliosi che il Cio abbia scelto Milano-Cortina come sede delle Olimpiadi Invernali 2026. È il riconoscimento della grande valore della proposta italiana e dei dossier presentati dal nostro Paese". Parola di Valerio Giacobbi, a.d. Fondazione Cortina 2021. "Avere i Giochi Olimpici in Italia, a casa nostra, è un sogno che diventa realtà, ma anche un’opportunità straordinaria per tutto il sistema Paese e un elemento di ulteriore accelerazione economica e sociale per il futuro delle nostre aree alpine - prosegue l'a.d. -. La giornata di ieri è un successo per tutto il sistema Paese e dimostra che quando ci si mette insieme e si riesce a fare gioco di squadra, l’Italia è capace di essere ancora una volta protagonista sulla scena del mondo".

Secondo il manager le Olimpiadi "saranno una gigantesca vetrina per le nostre Dolomiti, per le bellezze di un territorio unico al mondo riconosciuto Patrimonio dell’Umanità, ma più in generale per tutto il 'prodotto Italia'. Il Paese ha bisogno di entusiasmo, di obiettivi ambiziosi su cui convogliare le forze, di energie nuove da mettere in circolo per ricostruire fiducia. Le Olimpiadi 2026 saranno un’occasione straordinaria di rimettersi in gioco, di fare squadra tutti assieme, di stupire il mondo con la qualità, la competenza, la preparazione e la creatività che solo l’Italia sa dimostrare". Ma Giacobbi avverte anche che l'evento deve "segnare un punto di svolta, per Cortina e più in generale per tutto il sistema Italia. Da adesso deve aprirsi un nuovo ciclo - asserisce il manager -. Le ricadute positive che i Mondiali prima e le Olimpiadi poi avranno su tutto il territorio dolomitico e il Bellunese saranno qualcosa di tangibile. Questi due grandi eventi sportivi sapranno lasciare un’eredità duratura nel tempo, e rappresenteranno un’occasione di riscatto per la montagna: nuovo lavoro qualificato per i giovani sul territorio per frenare lo spopolamento, acceleratore di visibilità internazionale per portare nuovo turismo, riscatto dopo gli eventi naturali avversi degli ultimi anni. Per Cortina e per tutto il territorio montano è una grande sfida, che siamo pronti ad affrontare al meglio".

Oltre a dare atto al presidente Luca Zaia "di aver creduto per primo a questo sogno" e a complimentarsi anche con il presidente del Coni Giovanni Malagò, con il sindaco di Milano Giuseppe Sala, con quello di Cortina d’Ampezzo Gianpietro Ghedina, Giacobbi segnala un aspetto: "Prima delle Olimpiadi abbiamo davanti a noi i Campionati del Mondo di sci del 2021 a Cortina. La squadra che abbiamo messo in piedi e il lavoro fin qui svolto sono il contributo più significativo per il cammino dei prossimi anni: le piste, le infrastrutture, i nuovi impianti, il rinnovo del comparto dell’hospitality ampezzana, ma soprattutto una cultura innovativa della gestione dei grandi eventi". n.s.
 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte