EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

In calo la semestrale di Igv

28/06/2019 16:48
La società confida di raggiungere un risultato finanziario in equilibrio a livello di gruppo

Si è riunito ieri, sotto la presidenza di Luigi Maria Clementi, il consiglio di amministrazione de I Grandi Viaggi Spa. che ha approvato i risultati del 1° semestre (1 novembre 2018 – 30 aprile 2019) e ha esaminato i risultati di gruppo al 30 aprile 2019. "Nella valutazione del risultato del periodo - avverte una nota - occorre tenere conto dell’andamento fortemente stagionale del fatturato; si sottolinea che la parte preponderante dei ricavi del gruppo viene conseguita nel periodo estivo, durante l’apertura dei villaggi italiani di proprietà, e che la situazione semestrale recepisce per tali villaggi i costi del periodo di chiusura, in particolare le manutenzioni ordinarie e straordinarie".

Al 30 aprile 2019 la liquidità del gruppo ammonta a 24,6 milioni di euro e la posizione finanziaria netta complessiva è positiva per 16,22 milioni di euro (nello stesso periodo del 2018 era di 14,17 milioni di euro). L’ Ebitda è risultato negativo per 3,16 milioni di euro con un peggioramento di 1,14 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente "dovuto principalmente a maggiori costi per voli charter destinati a Kenya e Zanzibar, manutenzioni straordinarie dei villaggi di proprietà e costi sostenuti a fronte di incentivi all’esodo del personale", prosegue la nota. L’Ebit è negativo per 5,04 milioni di euro in peggioramento rispetto ai -3,95 milioni del primo semestre 2018 sempre per ragioni legate a quanto sopra descritto. Il risultato netto del periodo, negativo per 4,86 milioni di euro, risulta in lieve calo rispetto al corrispondente periodo del precedente esercizio (-4,21 milioni di euro nel primo semestre 2018) per effetto di un miglioramento della gestione finanziaria.

I ricavi si sono attestati a 20,36 milioni di euro (16,37 milioni di Euro nel corrispondente periodo 2018). Per quanto concerne il fatturato, si è registrato un incremento delle vendite delle destinazioni di proprietà estere, pari a circa l’8,2% rispetto al precedente periodo. Per quanto concerne il settore commercializzato l’incremento del fatturato è stato pari al 14,5%, mentre il settore tour operator ha più che raddoppiato il proprio fatturato rispetto al precedente periodo. In questo settore le destinazioni che stanno registrando le migliori performance dal punto di vista delle vendite sono Indonesia, Malesia, Cina e India, alle quali si aggiungono gli ormai consolidati Stati Uniti, Africa e Sud Africa.

I dati gestionali, rilevati nella seconda metà di giugno 2019, evidenziano un ritardo delle vendite sulle destinazioni italiane, dovuto principalmente alla situazione socio-economica del Paese, trattandosi di un prodotto destinato alle famiglie. "Tenuto conto del minor fatturato che si prevede ad oggi sulle destinazioni italiane, la società confida di raggiungere un risultato finanziario in equilibrio a livello di gruppo", conclude la nota.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us