EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Occhi puntati sull'Italia per Air Europa

09/07/2019 12:56
Superato il budget previsto del 5%, annuncia il general manager nel nostro Paese, Renato Scaffidi. La compagnia valuta l'apertura di nuove rotte, in particolare a Sud

Semestre a deciso segno più per Air Europa: “In un anno un po’ particolare e non facilissimo – afferma Renato Scaffidi, general manager Italia del vettore – a noi sta andando molto bene. Abbiamo superato il budget previsto del 5% (in termini di vendite, poiché, spiega il manager, in termini di pax il dato sarebbe molto di più, ndr), ma anche i coefficienti di riempimento stanno andando molto bene. Per quanto riguarda luglio-agosto e settembre sul mercato italiano si tratta di un +7/10% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. E’ un dato molto importante – rimarca Scaffidi -, sicuramente il merito non è solo dell’Italia, grazie al fatto che i voli sono alimentati da altri mercati e grazie all’introduzione di nuovi collegamenti. Soprattutto durante i weekend – prosegue il manager – abbiamo sostituito i Boeing 737 e gli Embraer operativi su Roma, Milano e Venezia con gli A330 e i B787 Dreamliner. A Venezia, poi abbiamo accordi con i crocieristi, che hanno sicuramente aiutato”.

Soddisfazione per il collegamento su Alghero: “Ha coefficienti di riempimento del 75-80% ed è operato con 737 da 185 posti bisettimanalmente”. Vero è che “sta andando meglio dalla Penisola Iberica verso l’Italia. Ci piacerebbe potesse proseguire anche in inverno, ma è molto alimentato dalla Spagna. Vedremo”.
Bene anche i voli su Medellin e Panama: su quest’ultima "abbiamo un accordo con Copa con ottime connessioni su Centro e Sud America”. Non è, ad ogni modo, solo l’Italia a segnare risultati positivi, ma la compagnia a livello global, nonostante le difficoltà di Argentina e Brasile: “Siamo riusciti a fare fronte alle crisi portando passeggeri dall’Europa – commenta Scaffidi – e il coefficiente di riempimento ha patito poco o niente”.

Non mancano le novità per il prossimo semestre: “Sono in arrivo – annuncia il manager –, per ottobre-novembre, tre nuovi Dreamliner nella versione 900 e con la nuova configurazione in business 1-2-1. Il Dreamliner ci ha fatto fare il salto di qualità e ci ha aperto al corporate e al bt”. I principali clienti in Italia sono Tmc, network, agenzie e aziende. La vendita è “per la stragrande maggioranza via Bsp, quella diretta è residuale”. “Anche i t.o. stanno crescendo moltissimo, ho cercato – commenta Scaffidi – di modificare un po’ le condizioni contrattuali che erano in essere”. Importante anche la crescita dei gruppi Mice.

Gli occhi sono decisamente puntati sulla nostra Penisola: “Stiamo guardando qualcosa in Italia – rivela Scaffidi – in termini di altre città, perché ci piacerebbe sfruttare l’andamento positivo degli ultimi anni. L’Italia è diventato un mercato importante, il secondo dall’ultimo trimestre del 2018. L’idea è al Sud – spiega il manager – perché al Nord siamo ben presenti”. Il timing potrebbe essere la summer 2020.
C’è però una considerazione da fare: “Per aprire nuove tratte ci servono nuove macchine. Noi avevamo ordinato i Max, che erano previsti ad aprile e non ci sono fortunatamente state ripercussioni sull’operatività. Bisogna però capire questo tema”.
In termini numerici l’Italia si aggira su un “fatturato superiore ai 100 mln di euro. Globalmente sono 11 mln i pax trasportati e 2 mld di euro il fatturato”. n.s.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte