EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Royal Caribbean: "Il prodotto crociera è vincente, cresceremo ancora"

08/08/2019 09:50
L'head of sales Ciprietti: "Cruise incomparabile per qualità-prezzo". Tra Mediterraneo e Caraibi, le nuove sfide della compagnia: tante iniziative per il trade e focus sulle esperienze di bordo

Una nuova nave a incrociare nel Mediterraneo, un’isola privata fresca di inaugurazione, più prodotto e una lunga serie di iniziative per il trade. E’ questo il programma dei prossimi mesi di Royal Caribbean che, come ci spiega l’head of sales Italia Silvio Ciprietti, ha in calendario per le adv “già da questo mese e fino a dicembre campagne di incentivazione mirate, per presentare sia la ricca programmazione del gruppo sui Caraibi per la stagione invernale sia, naturalmente, la nuova isola privata alle Bahamas, Perfect Day at CocoCay”.

E poi, nel 2020, sarà l’ora dell'approdo nel Mare Nostrum di Explorer of the Seas che, rimarca il manager, “è la nave di Classe Voyager di Royal Caribbean International, che da maggio a ottobre partirà da Civitavecchia proponendo ben 19 crociere, alternando Mediterraneo occidentale e orientale. La prima partenza è prevista per il 7 maggio, l'ultima il 25 ottobre. E come sempre, organizzeremo dei roadshow con momenti di training per illustrare nuovi prodotti e le novità della compagnia”.

Sull’andamento del mercato del cruise, Ciprietti è fiducioso, anche per le caratteristiche del prodotto-crociera che “grazie all'ottimo rapporto qualità-prezzo, è incomparabile e vincente rispetto ad altre tipologie di vacanza. Il consumatore riconosce questo aspetto ed è per questo che la crociera risulta essere una tipologia di vacanza in aumento”. Il mercato crocieristico italiano, in particolare, “è in crescita sia in termini di domanda passeggeri sia in termini di offerta crocieristica. Anche Royal sta incrementando la propria offerta”.

Parlare di mercato italiano significa affrontare anche la questione della tutela di Venezia. E sul tema, Ciprietti si dimostra più disposto ad entrare nel merito rispetto ad altri professionisti del settore: “Insieme alle altre compagnie e al terminalista Vtp, abbiamo da tempo segnalato che la soluzione nel breve termine per abbandonare il Canale della Giudecca è l'adeguamento del Canale Vittorio Emanuele, ai sensi del piano regolatore in vigore. C'è un dialogo aperto con il ministro. La posizione del comparto crocieristico è ridurre già nella stagione 2020 il passaggio di alcune navi utilizzando alcune banchine nelle aree di Marghera. La situazione è molto fluida e la monitoriamo da vicino, senza escludere opzioni di riposizionamento”.

E se per diverse compagnie di crociere stanno diventando sempre più rilevanti percentualmente i ricavi derivanti dall’acquisto delle esperienze a bordo, il manager di Rcc fa osservare che “il cosiddetto acquisto ‘pre-cruise program’ - che include tutti gli elementi ancillary da acquistare prima di partire, dai pacchetti bevande a bordo alle escursioni - è un punto focale della strategia commerciale dei prossimi anni. Royal Caribbean è all'avanguardia su questo aspetto e sta ottenendo degli ottimi risultati in termini di vendita anticipata perché il cliente ne ha capito la convenienza e il risparmio”.

Con ulteriori elementi di novità: “Cresce anche la percentuale dei clienti che, una volta a bordo, acquistano un'altra crociera con la compagnia. In questo caso ci tengo a precisare che riconosciamo la commissione all'agenzia di viaggi che ha prenotato per loro la prima crociera. Tutti i vantaggi di prenotare in anticipo i servizi reperibili a bordo vengono puntualmente comunicati ai clienti attraverso un programma dedicato. Inoltre, proponiamo anche RoyalUp, che consente al cliente, prima della sua partenza, di usufruire di un upgrade della camera a una cifra scontata”. g.m.
 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte