EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Trasporto aereo: settembre mese difficile per gli scioperi

20/09/2019 10:48
A mettere in guardia i passeggeri sui possibili disagi e sui propri diritti Givt, la piattaforma europea specializzata nell'ottenimento di risarcimenti dalle compagnie di tutta Europa

Settembre sarà un mese difficile per i passeggeri delle compagnie aeree per gli scioperi che interesseranno soprattutto Francia, Gran Bretagna e Spagna, fa presente Givt, piattaforma europea specializzata nell'ottenimento di risarcimenti dalle compagnie aeree di tutta Europa. Il suo obiettivo principale è sensibilizzare l'opinione pubblica sui diritti dei passeggeri e fornire informazioni e dati sulle interruzioni dei voli.

Da qui il consiglio per chiunque abbia già prenotato un volo operato Ryanair nel Regno Unito e in Spagna, da British Airways o dalla francese Transavia, di informarsi e prepararsi a difficoltà di vario genere, senza dimenticare i propri diritti di passeggero. 

In Gran Bretagna

Come annunciato dai sindacati, alle proteste parteciperanno il personale di Ryanair (piloti e assistenti di volo spagnoli), British Airways (piloti) e Transavia (piloti francesi). Si sono appena conclusi i primi due giorni dello sciopero British Airways, che ha causato la soppressione di quasi tutti i voli operati dalla compagnia aerea. Sono stati cancellati i decolli di 697 aerei della compagnia britannica, tanto da far sembrare i terminali dell'aeroporto londinese di Heathrow praticamente chiusi. Lo sciopero, organizzato e annunciato da Balpa (British Airline Pilots Association), sindacato britannico di categoria, si ripeterà venerdì 27 settembre. Al sindacato è iscritto circa l'85% dei piloti di British Airways, che in stragrande maggioranza (oltre il 90%) hanno votato in favore dello sciopero, cosicché è possibile che ne sia nuovamente colpita la maggior parte delle attività della compagnia. Agli scioperi previsti per il 18 e 19 settembre, per il 21, 23, 25, 27 e 29 settembre prenderanno parte anche i piloti di Ryanair affiliati a Balpa.

In Francia e Spagna

Spl (Syndicat des Pilots de Ligne), sindacato dei piloti di Transavia, ha annunciato scioperi durante tutto il mese di settembre. Spl rappresenta circa il 30% dei piloti della compagnia e, dopo i primi cinque giorni di sciopero e solo sei voli cancellati, l'impressione è che non ci saranno particolari conseguenze per le attività di Transavia. Sepla, il sindacato dei piloti spagnoli di Ryanair, ha indetto scioperi per il 19, 20, 22, 27 e 29 settembre. Uso e Sictpla, i sindacati spagnoli che rappresentano, tra gli altri, gli assistenti di volo di Ryanair, hanno annunciato interruzioni dal lavoro nei giorni 1°, 2, 6, 8, 13, 15, 20, 22, 27 e 29 settembre. Finora le attività non sono state compromesse dallo sciopero: nei primi due giorni di settembre meno dell'1% dei voli Ryanair da e per la Spagna è stato cancellato.

La buona notizia

Qual è la buona notizia per i passeggeri? Lo dice Elzbieta Tyszka, responsabile legale di Givt, fornitore di servizi nella riscossione di risarcimenti per ritardi e cancellazioni. "Lo sciopero, legale o illegale, dell'equipaggio di volo non solleva la compagnia dalle responsabilità come vettore aereo, derivanti dalle disposizioni del regolamento n. 261/2004. Quando si verificano scioperi di questo tipo, tutti i passeggeri devono ricevere un risarcimento. Il fatto che i dipendenti di una compagnia aerea siano in sciopero non significa che debbano essere i passeggeri a subirne le conseguenze. Questi scioperi non privano i passeggeri del loro diritto di pretendere un risarcimento. Le compagnie aeree sono tenute a corrispondere un risarcimento nei casi in cui il passeggero sia stato informato della cancellazione del volo con un preavviso inferiore a due settimane".

Le compagnie aeree stanno cercando di limitare l'impatto degli scioperi sulle loro attività e le enormi perdite che ne potrebbero conseguire. Ad esempio, secondo i dati pubblicati dalle compagnie aeree, i primi 5 giorni dell'ultimo sciopero dei piloti Sas (dal 26 al 30 aprile) hanno avuto ripercussioni su quasi 270.000 passeggeri. Un numero che si traduce nella possibilità che siano riconosciuti risarcimenti per voli cancellati per oltre 90,4 milioni di euro (753,750 euro per ogni ora di sciopero). È importante che i passeggeri comprendano quali sono i loro diritti e si avvalgano dei servizi di società come Givt per esercitarli.

Alcuni consigli pratici

Che cosa fare in caso di sciopero? (se mancano meno di 14 giorni dalla data del volo). Givt suggerisce di controllare regolarmente le informazioni sul volo. A volte le compagnie aeree e i sindacati non raggiungono un accordo se non poco prima della data prevista per lo sciopero. Non aspettare l'ultimo momento però, se non si vuole che le opzioni a disposizione si riducano. Trovare le informazioni sul volo sul sito della compagnia oppure provare il metodo sviluppato dall'Independent per determinare le probabilità che un volo sia cancellato.

Se il volo viene cancellato, la compagnia aerea è obbligata a rimborsare il biglietto e a proporre un volo sostitutivo. Quello che fanno spesso le compagnie è proporre un rimborso per i voli cancellati sotto forma di voucher da utilizzare in futuro. Accettando questa (o qualsiasi altra) forma di rimborso, ci si preclude la possibilità di richiedere un risarcimento. Se offrono un volo alternativo, si deve confrontare l'orario di partenza e di arrivo con quelli del volo precedentemente prenotato.

Se si è stati informati dalla compagnia della cancellazione del volo tra 7 e 14 giorni prima della partenza e il volo alternativo parte più di due ore prima/arriva a destinazione più di 4 ore, si può richiedere un risarcimento anche se si decide di utilizzare il volo offerto in alternativa.

Se si è stati informati dalla compagnia della cancellazione del volo meno di 7 giorni prima della partenza e il volo alternativo parte più di un'ora prima/arriva a destinazione più di 2 ore dopo, si può richiedere un risarcimento anche se si decide di utilizzare il volo offerto in alternativa.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte