EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Originaltour: "Essere piccoli conviene"

02/10/2019 11:14
E' la specializzazione il vero valore aggiunto per competere nel mercato turistico. E la vicenda Thomas Cook insegna: "Mi auguro porti più serietà nel settore", dice il direttore generale

Il fallimento del gruppo Thomas Cook ha “scosso” il mondo del turismo, dando il via a una girandola di commenti e prese di posizione da parte dei numerosi attori del settore. E se per qualcuno è stata una notizia inaspettata, per Loredana Arcangeli, direttore generale di Originaltour, sulla vicenda ha invece le idee chiare: “Mi auguro che il caso Thomas Cook serva a riportare più serietà nel nostro settore. Mi chiedo perché corrispondenti di hotel e banche facciano a questi colossi crediti di lunga durata e poi, puntualmente, saltano lasciando debiti e clienti a terra. Erano mesi che l’operatore britannico non pagava i servizi esteri, perché non se ne è accorto nessuno? Una situazione che si è verificata anche in Italia, con tanti operatori che hanno già chiuso”. E rincara la dose: “Perché noi piccoli dobbiamo prepagare i servizi e lottare tutti i giorni contro la strafottenza dei cosiddetti ‘grandi’ per i quali i clienti sono solo numeri e non persone?”.

Eppure oggi la scelta di specializzarsi, di essere operatori di nicchia può essere l’unica carta vincente. Una strategia abbracciata da Originaltour già venti anni fa, quando fu tra i pionieri sul mercato italiano a vendere la destinazione Oman, puntando poi su specifiche aree come Emirati Arabi, Medio ed Estremo Oriente e Pacifico. “Testiamo ciascun singolo prodotto e lo adattiamo alle esigenze specifiche di ciascun nostro cliente. Così si fa davvero tailor made, l’essere piccoli è la nostra forza. E i clienti riconoscono la differenza tra chi è davvero specializzato e chi dichiara di esserlo soltanto per vendere”.

Sull’Oman, l’operatore ha recentemente lanciato la formula “Original Adventure”, una serie di viaggi-spedizione a bordo di fuoristrada e guidati da guide locali esperte e certificate. Al Paese è inoltre dedicato un nuovo monografico scaricabile direttamente dal sito del tour operator. “Punteremo molto anche sull’Uzbekistan, una meta che quest’anno ci ha dato molte soddisfazioni in termini di prenotazioni. Ci saranno itinerari a partenza garantita in italiano a uso esclusivo di Originaltour, per minimo due e massimo 16 persone, che oltre a Samarcanda, Bukhara e Tashkent, toccheranno anche località insolite, come la valle di Fergana”. s.p.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte