EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Adr e Ctrip accordo firmato

11/10/2019 17:33
Obiettivo ampliare la conquista del mercato cinese in Italia e migliorare l’offerta già personalizzata che Fiumicino è in grado di proporre al turista cinese

E' arrivata la firma, già annunciata negli scorsi giorni su questa agenzia di stampa, dell'accordo tra Adr e Ctrip, il più importante tour operator online cinese, per ampliare la promozione e la conquista del mercato turistico cinese in Italia e migliorare l’offerta già personalizzata che il Leonardo da Vinci è in grado di proporre al turista cinese.

Attraverso la porta d’accesso dell’aeroporto della Capitale, i passeggeri provenienti dal Paese del Dragone possono scoprire la facilità di viaggiare in tutta Italia, attraverso i collegamenti con le principali città che l’aeroporto mette a disposizione. La firma dell’accordo con Ctrip renderà ancora più stretto il legame tra la Cina e l’aeroporto di Fiumicino.

A presiedere alla signing ceremony, che dà concretezza agli impegni siglati a marzo a Roma in occasione della visita di Stato del presidente cinese Xi Jinping, sono: Fausto Palombelli, chief commercial officer di Adr e Amanda Wang, general manager of Destination Marketing di Ctrip.

“Aeroporti di Roma, il primo aeroporto al mondo a ricevere la certificazione Welcome Chinese - sigla, in questo modo, l’avvio della collaborazione con uno dei maggiori player turistici e digitali in Cina e in Asia, e si conferma leader nel panorama del turismo cinese in termini di accoglienza e presenza sul mercato. Ad oggi infatti - afferma Palombelli - l’aeroporto di Fiumicino è leader in Europa per numero di destinazioni servite e di vettori operanti tra Roma e la Grande Cina, 7 con 12 destinazioni cinesi direttamente collegate. Quest’anno stiamo registrando un vero e proprio boom di passeggeri da e per la Greater Cina – annuncia il direttore - tanto che nei recenti mesi estivi abbiamo avuto una crescita di passeggeri del 30% rispetto ai medesimi mesi dello scorso anno e contiamo di superare entro la fine del 2019 la soglia dei 900mila passeggeri”.

Anche in termini di customer experience dedicata al turista cinese, l’aeroporto di Fiumicino si conferma attento, avendo introdotto da diverso tempo la segnaletica in lingua, i sistemi di pagamento digitali più diffusi in Cina, ovvero Alipay e WeChat Pay, oltre alla possibilità di fare acquisti con la carta di credito cinese Union Pay.

Nella Tax Free Mall dell’aeroporto il luxury shopping è conveniente, grazie all’applicazione di uno sconto diretto dell’Iva del -22%. Inoltre, l’esperienza di acquisto è resa gradevole grazie all’introduzione del servizio di personal shopper chinese speaking, e di altre attenzioni dedicate al passeggero cinese.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte