EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

“In viaggio con De Nittis” nuova forma di accoglienza di Aeroporti di Puglia

13/10/2019 16:33
L’aeroporto di Bari presenta “pezzi” dell’arte pugliese, raccontata attraverso le opere del pittore barlettano. Una galleria d’arte che accompagnerà i viaggiatori

 “In viaggio con De Nittis” è una esposizione artistica, ma è anche una nuova forma di accoglienza, è il modo per dare il benvenuto a chi arriva e di consegnare, a chi va via, il ricordo della bellezza di questa terra e l’arte che ha saputo esprimere. “In viaggio con De Nittis” nasce dalla volontà di Aeroporti di Puglia e del Comune di Barletta, città di origine del maestro, di promuovere le eccellenze culturali pugliesi e, in questo caso, il valore della collezione De Nittis, per integrare le infrastrutture aeroportuali con il territorio.

La mostra è stata inaugurata dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dall’assessore al Turismo della Regione Puglia, Loredana Capone, dal sindaco di Barletta, Cosimo Cannito e dal vicepresidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Vasile.

"Celebriamo la cultura che va nei luoghi dove la comunità si riunisce e si incontra con il mondo - ha detto il presidente Emiliano - quindi De Nittis che arriva ad Aeroporti di Puglia e si esibisce con la sua arte. Uno dei tre quadri ricorda il paesaggio di Costa Ripagnola, ricorda quindi a noi tutti che la bellezza, che è stata custodita negli anni e che presto diventerà un parco, è una bellezza che non poteva sfuggire e non è sfuggita a un grande artista. Noi ci sentiamo pugliesi anche grazie a chi, molti anni fa, seppe catturare la nostra bellezza trasformandola in una attrazione per tutto il mondo . Ecco perché questo tributo alla città di Barletta e a De Nittis negli Aeroporti di Puglia".

Per il prossimo mese, l’aeroporto di Bari "presenta pezzi significativi dell’arte pugliese, raccontata attraverso le opere del pittore barlettano Giuseppe De Nittis. Una inusuale galleria d’arte che accompagnerà i nostri viaggiatori in una iniziativa culturale resa possibile dalla lungimiranza del Comune di Barletta, del Mibact e della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Barletta – Andria – Trani e Foggia - ha commentato il presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti - che hanno autorizzato il prestito delle opere".

La regione non è nuova a queste iniziative e nemmeno gli scali pugliesi. “Trasformare un non luogo in un luogo che suscita emozioni. È quello che abbiamo fatto all’aeroporto di Brindisi con la mostra sull’archeologia subacquea del Salento. Oggi replichiamo all’Aeroporto di Bari - afferma l’assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, Loredana Capone -. Aeroporti di Puglia e Comune di Barletta regalano ai viaggiatori che approderanno nei prossimi mesi in Puglia tre opere di un grande artista pugliese: Giuseppe De Nittis”.

Come annunciato dal vicepresidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Vasile, questa è "una tappa importante di un progetto più grande che rientra nelle strategie adottate da Aeroporti di Puglia. Un progetto che, grazie alla stretta collaborazione della Regione Puglia, mira a trasformare l’aeroporto in un luogo dove l’efficienza dei servizi e la ricchezza dell’offerta, camminino di pari passo con la valorizzazione della cultura e della tradizione della nostra regione. Un progetto che vogliamo estendere a tutti i Comuni, i musei, e, perché no, alle imprese".

“Gli aeroporti sono luoghi affascinanti in cui si incrociano viaggiatori provenienti da tutto il mondo e quelli che atterrano qui a Bari ci onorano di scegliere la Puglia, terra ospitale e di grande bellezza, di cui le opere di Giuseppe De Nittis sono una testimonianza - ha commentato il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito -. L’artista barlettano, viaggiatore e cittadino europeo ante litteram, esprime nei suoi dipinti, e in particolare in quelli qui esposti, tutto il calore della nostra terra, i suoi profumi e la luce del sole del Sud. Siamo lieti di inaugurare questo percorso espositivo, che segna un modo nuovo di promuovere l’arte e la cultura che, sono certo, lascerà il segno”.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte