EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Eccellenza italiana a bordo di Emirates: alla scoperta di Monte Vibiano

16/10/2019 12:36
Otto persone girano il mondo cercando i migliori prodotti mentre prosegue l’impegno della compagnia per diminuire l’impatto ambientale

Un giorno nella tenuta del Castello di Monte Vibiano per far conoscere aspetti inediti e la cura di Emirates per dettagli del servizio a bordo. “In pochi sanno che abbiamo otto persone in giro per il mondo alla ricerca di eccellenze uniche - spiega Flavio Ghiringhelli, country manager Emirates Italia – così nel 2000 abbiamo scoperto l’incredibile qualità dell’olio di oliva di Monte Vibiano e da oggi parte, in prima classe, anche l’inserimento nella carta dei vini di Andrea del 2010, selezionato da noi”. Emirates non acquisisce il prodotto, ma il terreno, gli ulivi o la vigna e il metodo di lavorazione.

Per olio d’oliva ha scelto Monte Vibiano, un’azienda di 700 ettari, una delle più grandi in Europa,  che si trova a Marsciano nel cuore verde dell’Umbria. “Emirates e Monte Vibiano hanno in comune una grande attenzione alla qualità – afferma Lorenzo Fasola Bologna, ceo dei Castello Monte Vibiano – la compagnia ci ha aiutato a diffondere il nostro marchio, per questo, tramite il passaparola, abbiamo iniziato a offrire l’esperienza dell’arrivo in bici o macchina elettrica nei terreni per raccogliere le olive e poi realizzare l’olio da degustare, assieme al vino, un itinerario che potremmo rendere un vero e proprio pacchetto turistico accordandoci con la ricettività locale”.

"La nostra partnership con Monte Vibiano è solo uno degli esempi di quello che siamo capaci di offrire ai nostri passeggeri in termini di degustazione” aggiunte il country manager Emirates Italia. La compagnia, infatti, solo per la carta dei vini, dal 2006 ha investito 700 milioni di dollari.

Grande attenzione anche all’impatto ambientale: “Stiamo lavorando su motori che consumano sempre meno e stiamo testando un nuovo biocarburante - afferma Ghiringhelli - a bordo è stata eliminata la plastica e tutto quella che abbiamo raccolto è stato tramutato in coperte ultra soffici distribuite sui nostri voli”.  l.s.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte